Caso Lucano, i difensori chiedono il proscioglimento: «Il fatto non sussiste»

Lo hanno avanzato al gup del Tribunale di Locri i legali del sindaco sospeso di Riace nell’ambito dell’udienza preliminare del processo Xenia

di Redazione
lunedì 8 aprile 2019
15:58
34 condivisioni
Mimmo Lucano
Mimmo Lucano

«Non luogo a procedere perché il fatto non sussiste o per non averlo commesso»: è la richiesta avanzata oggi al gup del Tribunale di Locri, Amelia Monteleone, dall'avvocato Antonio Mazzone, difensore del sindaco sospeso di Riace, Domenico Lucano, nel corso dell'udienza preliminare del processo "Xenia" a carico  dello stesso Lucano e di altre 26 persone. Nel corso dell'udienza lo stesso avvocato Mazzone e l'altro difensore di Lucano, Andrea Daqua, hanno anche chiesto l'inutizzabilità della consulenza presentata dal pubblico ministero in relazione all'accertamento dell'ingiusto profitto (circa 5 milioni di euro) conseguito, secondo l'accusa, nella gestione dell'accoglienza dei rifugiati nell'ambito dei progetti Sprar, Cas e Msna e per l'affidamento dei servizi da esplicare nell'ambito del Comune di Riace. Richiesta che il Gup Monteleone ha rigettato.  La conclusione dell'udienza preliminare è prevista per giovedì.

 

LEGGI ANCHE: 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream