Riace, annullato l'obbligo di firma alla compagna di Lucano

Anche lei insieme al sindaco era stata travolta dall'inchiesta. Accolto dalla Cassazione il ricorso dei legali

di Redazione
22 marzo 2019
11:50
26 condivisioni
Lemlem Tesfahun
Lemlem Tesfahun

Annullata la misura cautelare dell'obbligo di firma a Tesfahun Lemlem, la compagna di Mimmo Lucano, coinvolta nell'inchiesta su Riace. La sesta sezione penale della Cassazione ha accolto il ricorso della difesa, gli avvocati Lorenzo Trucco e Andrea Daqua, e dichiarato cessata l'efficacia della misura. Alla donna, di origine etiope, vengono contestati gli stessi reati del sindaco sospeso di Riace, tra cui il favoreggiamento dell'immigrazione irregolare, in particolare per aver cercato di far venire in Italia il fratello combinando un falso matrimonio. Inizialmente le era stato imposto il divieto di dimora, trasformato nell'ottobre scorso dal tribunale del riesame in obbligo di firma. Intanto per Mimmo Lucano la Procura di Locri ha chiesto il rinvio a giudizio.

 

LEGGI ANCHE:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio