Sanità, autorizzate in Calabria 1545 assunzioni. Ma Asp e ospedali non fanno i concorsi

Il dato è contenuto nel verbale del tavolo di verifica interministeriale, nell'ambito del quale il commissario ad acta Saverio Cotticelli ha presentato una ricognizione dei posti in organico che hanno la relativa copertura finanziaria. I soldi non mancano ma le aziende sanitarie non espletano le selezioni. Le bacchettate di Roma

di Luana  Costa
5 ottobre 2019
17:59
567 condivisioni

Sono molte di più, di quelle effettivamente ratificate dal recente decreto emanato dalla struttura commissariale, le assunzioni da effettuare nel comparto sanitario regionale, tutte con relativa autorizzazione e copertura finanziaria. Le 429 unità che hanno passato martedì scorso il duplice vaglio del commissario ad acta, Saverio Cotticelli, e del subcommissario, Maria Crocco, rappresentano infatti solo una piccola quota delle autorizzazioni che il tavolo interministeriale ha già validato nel corso dei precedenti anni sulla base delle richieste avanzate dall'ex commissario, Massimo Scura, e poi trasformate in relativi decreti. C'è questo è molto altro nel verbale dell'ultima riunione tenuta a Roma, quando il primo di agosto il commissario ad acta Saverio Cotticelli ha consegnato ai due ministeri - della Salute e dell'Economia - una prima ricognizione delle assunzioni da effettuare nelle aziende sanitarie e ospedaliere calabresi.

 

1.545 persone ancora da assumere

La prima verifica - che mette assieme tutti i decreti commissariali varati nel 2017 e nel 2018 - certificano che le risorse autorizzate nel biennio sono complessivamente 3.508 ma le figure effettivamente assunte nei reparti ospedalieri tramite pubblico concorso sono solo 1.545. Una percentuale - quella del 44% - che non raggiunge neppure la metà delle assunzioni autorizzate dal tavolo romano di verifica interministeriale e che solleva quindi un interrogativo sulla causa dei ritardi. E nei fatti è quello che si domanda anche Angela Adduce, funzionaria della Ragioneria di Stato in forza al ministero dell'Economia e deputata al controllo dei conti della sanità calabrese. Nel verbale redatto all'esito della riunione, e solo di recente notificato alla Cittadella, vengono riportate le spiegazioni addotte nel merito dal commissario ad acta, Saverio Cotticelli: "La struttura commissariale riferisce che la mancata assunzione delle unità di personale prevista dai succitati decreti è imputabile principalmente al ritardo con cui sono state avviate le procedure di assunzione da parte delle singole aziende. Le aziende ospedaliere hanno quasi assunto tutte le unità programmate". Una criticità determinata dal ritardo nell'espletamento dei concorsi, quindi, e non dall'assenza di coperture finanziarie così come riferito dal generale in pensione a margine di un'iniziativa tenuta venerdì a Cosenza.

 

Le bacchettate del tavolo Adduce

Ed è proprio su questi ritardi che il tavolo di verifica interministeriale chiede infatti spiegazioni, sempre nel medesimo, verbale: "Tavolo e Comitato osservano che risulterebbero effettuate in totale 1.545 assunzioni nelle quali sono comprese le figure autorizzate nella riunione del 20 luglio 2017 e nel dca 112/2017. Si richiede un raccordo totale delle assunzioni effettivamente operate con le autorizzazioni operate dai Tavoli e con il turn over successivo al 2016. Si prende atto delle criticità rappresentate e si resta in attesa di specifiche azioni di ricognizione e ridefinizione del fabbisogno del personale, secondo la metodologia sviluppata in linea con il DM 70/2015, nell’ambito del programma operativo 2019-2021. Si rappresenta altresì che l’articolo 11 del decreto legge 35/2019, in sede di conversione in legge, ha disposto il venire meno della sanzione del blocco automatico del turn over nelle regioni con alti disavanzi".

Coperture finanziarie

Le recenti assunzioni decretate dalla struttura commissariale nella misura di 429 unità si riferiscono, in verità, solo ad una parte dei decreti emanati da Massimo Scura: cinque su un complessivo di nove provvedimenti varati con lo scopo di autorizzare le aziende sanitarie e ospedaliere regionali al reclutamento di personale medico e infermieristico. Tutti dotati della relativa autorizzazione da parte del tavolo romano oltre che della copertura finanziaria così come certificato perfino nel decreto 135 firmato proprio da Cotticelli, dove si legge che: "L'impatto economico delle assunzioni effettuate con questo decreto sarà ricompreso all'interno del redigendo programma operativo 2019-2021 e comunque all'interno delle coperture finanziarie previste. Il personale ancora da assumere è in linea con il piano del fabbisogno e con le reti assistenziali approvate e validate dal tavolo ed i cui decreti commissariali già prevedevano la relativa copertura finanziaria". 

Luana Costa

 

LEGGI ANCHE: 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Luana  Costa
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio