Gioco online, chiesta la conferma delle condanne per le cosche reggine

Solo una l'assoluzione invocata nell'ambito del processo Gambling in Appello. Alla sbarra anche il pentito Mario Gennaro, ritenuto al vertice della struttura criminale, che per conto della 'ndrangheta gestiva il sistema delle scommesse a Malta e in altri paradisi fiscali

di A. P.
sabato 13 aprile 2019
20:14
11 condivisioni

29 condanne da confermare e un’assoluzione: questo è quanto ha invocato, durante la propria requisitoria il pg Stefano Musolino alla Corte d’Appello di Reggio Calabria per gli imputati, del troncone abbreviato scaturito dall’inchiesta “Gambling”. Un’inchiesta della Dda dello Stretto, scattata nel 2015, e che ha visto finire una trentina di persone, sia in carcere che ai domiciliari, accusate a vario titolo di aver gestito un giro di scommesse online dall'Italia verso l'estero e di rappresentare gli interessi nel settore della 'ndrangheta, nonché di una serie di reati come l’ intestazione fittizia di beni, associazione per delinquere e associazione mafiosa.

 

In primo grado furono comminati circa due secoli di carcere dal gup Antonino Laganà. Solo sei furono gli assolti. Per l’accusa queste condanne vanno riconfermate in toto ad eccezione di una posizione, ossia quella di Antonietta Gatto. La donna era stata condanna a 4 anni e 8 mesi di reclusione e nei suoi confronti il pg Musolino ha chiesto, sposando la tesi difensiva dell’avvocato Natale Polimeni, l’assoluzione. Tra gli imputati c’è anche Mario Gennaro, condannato dal gup a quattro anni di carcere, il quale dopo essere stato arrestato ha deciso di collaborare con la giustizia. Un “pentimento” importante per l’Antimafia che lo considerava al vertice della struttura criminale. Gravitante nella cosca Tegano, egemone alla periferia nord di Reggio Calabria, Gennaro avrebbe messo in piedi, proprio per conto della ‘ndrangheta  un’organizzazione la quale si è servita di società estere di diritto maltese per esercitare abusivamente l’attività di gioco e delle scommesse in Italia. “Il signore del poker”  dopo essere entrato a pieno titolo nelle 'ndrine, avrebbe iniziato la sua scalata imprenditoriale che non toccò solo la Calabria, ma si estese a Malta, passando per Romania, Montenegro e toccando altri paradisi fiscali. Anche per lui l’accusa ha invocato la conferma della condanna inflitta in primo grado. Così come per Giovanni Ficara, ritenuto uno dei boss più influenti della zona sud, per Terenzio Minniti, Venerando Puntorieri e Cesare Oscar Ventura, tutti condannati dal gup a 12 anni di reclusione.

 

Le condanne inferte in primo grado 

Francesco Maria Abramo    6 anni e 8 mesi

Alessia Alessi                    4 anni

Vincenzo Alvaro                 4 anni e 8 mesi

Emanuele Cotroneo            4 anni e 8 mesi

Giovani Ficara                    12 anni

Luca Battista Gagni             4 anni e 8 mesi

Mario Gennaro                    4 anni

Margherita S. Giudetti         6 anni

Antonio Lavilla                    5 anni e 4 mesi

Giuseppe Lavilla                  5 anni e 4 mesi

Maurizio Lavilla                   5 anni e 4 mesi

Domenico Madeo                 4 anni

Domenico Manti                  6 anni

Terenzio Minniti                  12 anni

Pietro Monterosso               6 anni

Dario Alfonso Montuori        4 anni

Vincenzo Nettuno                10 anni

Domenico Nucera                4 anni e 8 mesi

Francesco Pesce                  8 anni

Venerando Puntorieri          12 anni

Francesco Ripepi                6 anni e 8 mesi

Rocco Ripepi                      6 anni e 8 mesi

Paolo Sciumbata                 6 anni

Paolo Serpa                        4 anni 8 mesi 

Fortunato Stracuzzi             6 anni

Annunziato Vadalà              2 anni

Cesare Oscar Ventura         12 anni

Pietro Verduci                     4 anni e 8 mesi

Andrea Vianello                   8 anni

 

LEGGI ANCHE:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: