Sistema di allerta, Borrelli stoppa le polemiche ma annuncia una nuova piattaforma

La visita del capo dipartimento della Protezione civile dopo il sopralluoho a San Pietro Lametino è proseguita a Catanzaro, dove si è tenuto un vertice con le forze dell'ordine e i rappresentanti governativi dei territori calabresi più colpiti dal maltempo

di Luana  Costa
venerdì 5 ottobre 2018
21:12
23 condivisioni

Dopo aver effettuato il sopralluogo nell'area di San Pietro Lametino, la visita in Calabria del capo dipartimento della Protezione Civile è proseguita a Catanzaro. Accompagnato dal prefetto, Francesca Ferrandino, Angelo Borrelli ha raggiunto Palazzo di Governo intorno alle 18. Ad attenderlo i vertici delle forze dell'ordine e i rappresentanti governativi dei territori calabresi più colpiti dall'ondata di maltempo: la provincia di Catanzaro, di Crotone e di Vibo Valentia. Nel corso del vertice a cui ha preso parte anche il capo della protezione civile regionale Carlo Tansi e il governatore Mario Oliverio si è fatto il punto della situazione.

 

«La situazione è sotto controllo - ha dichiarato Borrelli -. Ci sono una serie di smottamenti e di danni. Si sta provvedendo a ripristinare la viabilità, circa cento famiglie sono state evacuate a Crotone. Non bisogna abbassare la guardia perchè è prevista ancora un'allerta rossa per questa notte e per domani di minore intensità; la perturbazione insiste su questo territorio».

 

Interrogato sulle polemiche che hanno accompagnato il sistema di allerta meteo, il capo dipartimento della Protezione civile le ha rispedite al mittente: «Le polemiche sono tutte infondate, anche questa volta l'allerta era stata data ed era stata coerente. Alcuni sindaci hanno chiuso le scuole, bene hanno fatto se hanno ritenuto che ricadessero in un'area in cui potevano esserci dei rischi e dei pericoli. Noi stiamo lavorando per realizzare una piattaforma nazionale di allertamento, supportare i sindaci con una gestione centralizzata ma bisogna partire dalla pianificazione della Protezione civile che deve essere aggiornata, su base cartografica e dobbiamo automatizzare dei piani che oggi sono sulla carta o su un cd rom».

 

Luana Costa

 

LEGGI ANCHE:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Luana  Costa
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: