Manager sanità, tempo scaduto per la Regione: deciderà il ministro

L’intesa non si trova. La lista dei papabili per le sette aziende sanitarie regionali riprende la via per Roma

di Redazione
6 giugno 2019
10:33
144 condivisioni
Il ministro Giulia Grillo
Il ministro Giulia Grillo

I fatidici dieci giorni previsti sono scaduti e la palla ripassa al Governo. La decisione rispetto alle nomine dei responsabili delle aziende del servizio sanitario regionale riprende la via per Roma.  Rimessa, infatti, al ministro Giulia Grillo la rosa dei nomi di coloro i quali saranno chiamati a guidare sette aziende del servizio sanitario regionale.

Tempo scaduto

Sono trascorsi i dieci giorni utili previsti dal cosiddetto “Decreto Calabria”, in base al quale il governatore calabrese Mario Oliverio – mai del tutto persuaso dal provvedimento, tanto da impugnarlo dinanzi alla Corte costituzionale avrebbe potuto avviare un confronto in merito con i commissari ad acta Cotticelli e Schael. Ad intesa mancata, la lista con i nomi dei papabili e la formalizzazione ufficiale delle nomine dovrà trovare collocazione nella capitale.

L’iter

Il provvedimento prevede che, in caso di mancato accordo, le nomine spettino – con decreto – al ministro della Salute, previa delibera del Consiglio dei ministri e su proposta del Commissario ad acta. La Grillo sarà quindi chiamata a sciogliere una serie di dubbi, primo fra tutti quello relativo alla nomina di Gianluigi Scaffidi per l’Asp di Vibo, la cui ipotesi di assegnazione aveva scatenato polemiche tanto da indurre il ministro Grillo a fare un passo indietro sul nome.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio