Gioia, l’antimafia entra a scuola per parlare con gli studenti

VIDEO | Questa mattina all’istituto Severi è andato in scena uno dei cinque eventi pensato dalla Questura di Reggio Calabria nelle 32 scuole superiori della provincia

di Francesco Altomonte
6 novembre 2019
16:43
96 condivisioni

L’antimafia dei fatti, quella che quotidianamente sta in prima linea nel contrasto alla ‘ndrangheta si è ritrovata questa mattina all’istituto Severi di Gioia Tauro per discutere con gli studenti di criminalità organizzata e coscienza civile. Un evento che rientra tra i cinque organizzati e pensati dalla Questura di Reggio Calabria e che coinvolgono le 32 scuole superiori che ricadono nel territorio della città metropolitana.

E proprio per questo motivo la Questura ha voluto che al tavolo dei relatori fossero seduti anche tre testimoni di giustizia, Nino Demasi, Nino Bartuccio e Gaetano Saffioti che, da persone normali come hanno ribadito, hanno avuto modo di raccontare agli studenti le loro storie

Aldilà dei discorsi retorici sulla legalità, i due magistrati presenti a Gioia Tauro, il presidente del tribunale di Palmi Concettina Epifanio e il procuratore capo Ottavio Sferlazza, hanno rimarcato l’importanza di costruire percorsi insieme agli studenti che seguano parallelamente alla fase della repressione.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesco Altomonte
Giornalista

Francesco Altomonte è un giornalista attratto dal lato oscuro dell'animo umano. La cronaca nera è la sua passione, per questo motivo è ritornato a vivere in Calabria dopo 12 an...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio