Svolta nelle indagini sulla scomparsa dell’imprenditrice Maria Chindamo, un arresto

La persona, già nota alle forze dell’ordine, è ritenuta responsabile di concorso in omicidio. I dettagli in conferenza stampa a Vibo Valentia 

di Redazione
11 luglio 2019
07:00
2184 condivisioni

Prima svolta nella scomparsa di Maria Chindamo, l’imprenditrice di Laureana di Borrello scomparsa nel nulla il 6 maggio 2016. Il gip del Tribunale di Vibo, su richiesta della locale Procura, che ha coordinato le indagini condotte sul campo dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Vibo Valentia, della Compagnia di Tropea e del Ros, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un soggetto già noto alle forze dell’ordine, ritenuto responsabile di concorso in omicidio. 

In manette Salvatore Ascone, alias U Pinnularu, 53enne di Limbadi, grosso narcotrafficante legato alle cosche di Limbadi, della Piana di Gioia Tauro e del Lametino, con radici anche in Lombardia (in foto). 

Tre indagati per la scomparsa di Maria Chindamo: nomi, ruoli e dettagli

Indagato a piede libere un operaio rumeno, Gheorghe Nicolae Laurentiu, 30 anni. Avrebbe contribuito ad manomettere il sistema di videosorveglianza nella tenuta di Ascone posizionata davanti ai terreni di Maria Chindamo.

Fondamentali per la svolta delle indagini anche le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Emanuele Mancuso.

 

LEGGI ANCHE: 

Tre indagati per la scomparsa di Maria Chindamo: nomi, ruoli e dettagli

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio