Processo Frontiera, le possibili ripercussioni sull'inchiesta Lande desolate

Nella sentenza si ribadisce che l'imprenditore Giorgio Ottavio Barbieri non è mafioso. Per questo nella vicenda relativa agli appalti di Scalea e Lorica potrebbe venire meno la competenza della Procura distretturale di Catanzaro

di Salvatore Bruno
5 luglio 2019
09:50
16 condivisioni

La sentenza del processo Frontiera emessa dal tribunale di Paola potrebbe avere ripercussioni anche sull’inchiesta Lande Desolate, incardinata dalla Procura distrettuale antimafia di Catanzaro, in cui è coinvolto tra gli altri, il presidente della Regione Mario Oliverio. Anche il collegio giudicante della città di San Francesco, ha assolto Giorgio Ottavio Barbieri, confermando il principio già fissato dalla Cassazione, nell’ambito del procedimento Cinque Lustri, secondo il quale l’imprenditore non è mafioso, al massimo è una vittima e non un colluso con il sistema ‘ndranghetistico. Adesso per i suoi legali, potrebbe aprirsi la possibilità di eccepire la competenza territoriale della Distrettuale di Catanzaro guidata da Nicola Gratteri, per quanto riguarda le vicende giudiziarie che vedono Barbieri indagato nell’ambito dell’appalto dell’aviosuperficie di Scalea e dell’impianto di risalita di Lorica. Infatti, venendo meno l’aggravante del metodo mafioso, la competenza dovrebbe passare alla Procura ordinaria, nella circostanza quella di Paola per il caso di Scalea e quella di Cosenza per il caso di Lorica.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream