La strage del Raganello in una ricostruzione 3D. Partono i sopralluoghi degli esperti

VIDEO | L’obiettivo è ricostruire cosa è accaduto il 20 agosto quando un’ondata di piena del torrente travolse e uccise dieci escursionisti. Presente anche il procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla: «Le famiglie delle vittime meritano risposte certe»

di P. C.
31 agosto 2018
10:10
17 condivisioni
Facciolla e i consulenti a Civita per i soralluoghi
Facciolla e i consulenti a Civita per i soralluoghi

«È chiaro che davanti ad una tragedia di queste dimensioni non possono non esserci dei responsabili ed è per questo che oggi siamo qui». Dieci giorni dopo la tragedia nelle Gole del Raganello, il procuratore capo di Castrovillari Eugenio Facciolla, torna a Civita per il primo sopralluogo con il capitano Massimo Cipolla, i carabinieri forestali e gli accademici dell’Unical nominati come consulenti dell’inchiesta. «Questa indagine – ha aggiunto il procuratore - oggi rappresenta una priorità per il mio ufficio. Stiamo indagando, abbiamo iniziato dei sopralluoghi che riteniamo proficui».
L’elicottero dei carabinieri con il procuratore Facciola e il suo pool a bordo sorvola San Lorenzo Bellizzi. È in quest’area che sovrasta quella di Cerchiara e, poi, di Civita che sotto una pioggia incessante si sono ingrossati gli affluenti del Raganello. È possibile che rocce e massi naturali come questi, arbusti, sabbia e fanghiglia abbiano prodotto un argine naturale che, rompendosi, ha dato vita all’onda assassina che a valle ha ucciso i dieci escursionisti? Facciolla sull’ipotesi della rottura di una effimera diga naturale che ha ceduto, va cauto.


Altri profili di questa tragica vicenda, invece, spiega il magistrato, rappresentano i punti fermi da cui partire. L’allerta gialla lanciata dalla Protezione civile e la mancata attivazione di protocolli di sicurezza da parte degli enti preposti.
I sopralluoghi e le ricognizioni proseguiranno anche nei prossimi giorni. Le nostre immagini esclusive documentano i sopralluoghi del procuratore di Castrovillari e del suo pool sulle gole, poi sul ponte del Diavolo, alla conclusione della prima tappa nel teatro della tragedia degli escursioni. L’obiettivo è ricostruire innanzitutto cosa è accaduto il 20 agosto: la verità degli esperti sarà in una ricostruzione 3D attorno alla quale sarà declinato il resto dell’inchiesta. «Mi ha colpito - ha proseguito Facciolla - il fatto che l'area fosse accessibile a tutti in condizioni certamente critiche. Stiamo comunque lavorando senza sosta in questi giorni con sopalluoghi mirati soprattutto per dare risposte certe alle famiglie delle tante vittime. E' una situazione molto complessa che necessita di grande scrupolo professionale nell'accertamento della verità».

LEGGI ANCHE:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

P. C.
Giornalista
Pietro Comito, che ha iniziato la propria carriera professionale a Rete Kalabria e Radio Onda Verde, è stato redattore del Quotidiano della Calabria dal 2002 al 2005, quindi dal 2006 al 2012 caposervizio di Calabria Ora, dove ha guidato le redazioni di Vibo Valentia, Reggio Calabria, Gioia Tauro, Siderno e Catanzaro. Dal 2012 al 2014 è stato nuovamente in servizio al Quotidiano, dove ha guidato, nella veste di caposervizio, la redazione di Vibo Valentia. Nel 2011 ha ritirato il Premio Agenda Rossa conferito ai giornalisti minacciati dalla 'ndrangheta. Sempre nel 2011 è stato insignito del Premio Paolo Borsellino. Ha pubblicato per la Newton Compton e per la Città del Sole Edizioni ed ha collaborato alla realizzazione del Dizionario enciclopedico delle mafie redatto da Castelvecchi Editore. Esperto di cronaca nera e giudiziaria, negli ultimi anni è stato tra i giornalisti calabresi più esposti nell'informazione sulla criminalità organizzata.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio