La strage del Raganello una ferita ancora aperta: «Civita non deve morire»

VIDEO | La cittadina nel cuore del Parco del Pollino oggi è un paese fantasma. Nessun escursionista, solo persone che arrivano per vedere il luogo della tragedia e poi vanno via. L'appello del sindaco Alessandro Tocci, da sempre al fianco della sua comunità: «Risorgiamo e ripartiamo»

di P. C.
30 agosto 2018
13:02
12 condivisioni
Civita
Civita

Torna a splendere il sole sul Raganello ma la morte dei dieci escursionisti il 20 agosto sono ancora una ferita aperta nel cuore di Civita. Non ci sono più gli escursionisti ad affollarsi alle gole poste sotto sequestro dalla Procura di Castrovillari che indaga per accertare le responsabilità di una tragedia immane. Civita, il cuore del Parco del Pollino, oggi è un paese fantasma. Chi, fino a pochi giorni fa veniva per ammirare le bellezze oggi viene per vedere il luogo dove è avvenuta la tragedia e va via.
Civita, ancora con le bandiere a mezz'asta in segno di lutto, piange le vittime di una strage e teme per il suo futuro. «L'importante - afferma un giovane del posto ai microfoni di LaC News24 - è che dalla tragedia e dal male si riesca comunque a cercare con il tempo a farla ritornare una meta di turismo e di bene». Il sindaco del paese, Alessandro Tocci, è al fianco della sua comunità fin dai primi istanti della strage e alla sua comunità lancia un appello: «Risorgiamo e ripartiamo».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

P. C.
Giornalista
Pietro Comito, che ha iniziato la propria carriera professionale a Rete Kalabria e Radio Onda Verde, è stato redattore del Quotidiano della Calabria dal 2002 al 2005, quindi dal 2006 al 2012 caposervizio di Calabria Ora, dove ha guidato le redazioni di Vibo Valentia, Reggio Calabria, Gioia Tauro, Siderno e Catanzaro. Dal 2012 al 2014 è stato nuovamente in servizio al Quotidiano, dove ha guidato, nella veste di caposervizio, la redazione di Vibo Valentia. Nel 2011 ha ritirato il Premio Agenda Rossa conferito ai giornalisti minacciati dalla 'ndrangheta. Sempre nel 2011 è stato insignito del Premio Paolo Borsellino. Ha pubblicato per la Newton Compton e per la Città del Sole Edizioni ed ha collaborato alla realizzazione del Dizionario enciclopedico delle mafie redatto da Castelvecchi Editore. Esperto di cronaca nera e giudiziaria, negli ultimi anni è stato tra i giornalisti calabresi più esposti nell'informazione sulla criminalità organizzata.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio