MILAN MADE IN CALABRIA | Rocco Commisso e Yonghong Li ai dettagli?

Il tycoon di origini calabresi avrebbe convinto l’attuale presidente rossonero a cedere la società. Tutti i dettagli della trattativa. Martedì la conferenza stampa e poi in Svizzera per il ricorso al Tas

di Alessio Bompasso
venerdì 29 giugno 2018
13:50
15 condivisioni

La trattativa di mister Li continua su tre tavoli ma in pole per l’acquisizione del Milan, resta il magnate italo-americano Rocco Commisso. Il re delle tv via cavo, nato in Calabria a Marina di Gioiosa, avrebbe dato un’accelerata alla mediazione. Punta sul fattore “anticipo” per superare la concorrenza.

 

Un affare da 500 milioni

L’offerta del patron dei New York Cosmos comprenderebbe i 32 milioni di euro di aumento di capitale da rimborsare a Elliott, la copertura del debito con il fondo Singer (303 milioni più interessi) e 150 milioni da utilizzare per calciomercato e gestione societaria.

 

 

La carta per convincere Li

All’attuale presidente cinese rimarrebbe una quota di minoranza del 30% (inizialmente era stata fissata al 20%) e la gestione del marchio Milan in Cina. Adesso la palla passa a Yonghong Li, che deve decidere se accettare o meno.

 

 

Commisso in Italia martedì?

Il tycoon a stelle e strisce avrebbe già bloccato il suo aereo privato per raggiungere l’Italia già in questo weekend. Tra lunedì e martedì potrebbe arrivare la fumata bianca a cui dovrebbe seguire una conferenza stampa con le prime dichiarazioni del neo presidente rossonero.

Operazione “Tas”

Rocco Commisso avrebbe confidato ai suoi più stretti collaboratori, in caso di trattativa conclusa positivamente, di volersi presentare personalmente in Svizzera al Tas il prossimo 19 luglio per discutere del ricorso contro la sentenza che, di fatto, ha cancellato il Milan dalle competizioni europee.  

 

LEGGI ANCHE: Marina di Gioiosa, tutti pazzi per Rocco Commisso - VIDEO

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Alessio Bompasso
Giornalista
Alessio Bompasso è nato il 2 agosto del 1983 a Vibo Valentia. Da “grande” sognava di fare il giornalista ed entrare nelle case dei calabresi per raccontare le notizie giornaliere. Il sogno si è trasformato in realtà, approdando a Rete Kalabria (ora LaC) nel 2008. Il suo appeal da “normal person” lo rende tra i più apprezzati anchorman calabresi. Non ama prendersi troppo sul serio, ma quando si parla di sport si trasforma in una “macchina da guerra” (questo è il suo soprannome nell’ambiente). Sorriso smagliante e ritmo tambureggiante, le sue armi principali. Cocciuto e puntiglioso, i suoi difetti. Calcio e pallavolo, i suoi punti di forza ( ha  praticato entrambe le discipline ma non è mai stato un fenomeno, da li la scelta, più azzeccata, di raccontare lo sport attraverso le colonne di un quotidiano o le immagini della Tv). Ama le statistiche e nei suoi articoli non disdegna di inserirle qua e là. Dal 2013 è corrispondente sportivo, dalla provincia di Vibo Valentia, per la “Gazzetta del Sud”. Ha avuto il pregio e l’onore di ricevere parecchi riconoscimenti in giro per la Calabria, ma, il suo premio più importante lo ritira ogni giorno, entrando, in punta di piedi, nelle case dei calabresi. Come sognava di fare da “grande”. Mail: bompasso@lactv.it

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: