Demenze, il modello dell'associazione catanzarese RaGi conquista Torino

“Il borgo amico delle demenze” di Cicala ottiene consensi nel nord Italia come «un esempio di buone pratiche e di cittadinanza attiva»

8 aprile 2019
17:20
137 condivisioni

Anche per Torino, il “borgo amico delle demenze” di Cicala, nella presila catanzarese, e la Ra.Gi. Onlus diventano modello di eccellenza basato sull’inclusione sociale dei pazienti protagonisti del territorio, nella vita di comunità, oltre l’isolamento. Un riconoscimento in termini di consenso ottenuto in uno dei luoghi simbolo della battaglia culturale contro la logica ghettizzante dei manicomi e non solo: la Lavanderia a Vapore dell’ex struttura manicomiale di Collegno, vicino a Torino, dove la presidente della Ra.Gi. Onlus di Catanzaro, Elena Sodano, ha testimoniato l’esperienza di Cicala in occasione della festa per i quarant’anni della cooperativa sociale “Il Margine” di Torino. Una realtà fondata sulle ceneri del manicomio di Collegno sulla scia di un movimento ispirato al pensiero di Franco Basaglia per il superamento degli ospedali psichiatrici.

Per la cooperativa “Il Margine”, la Ra.Gi. offre «un esempio di buone pratiche e di cittadinanza attiva». Una testimonianza, quella di Elena Sodano, raccontata alla presenza, tra gli altri, della presidente nazionale Legacoopsociali Eleonora Vanni e di Anna Di Mascio, portavoce del Forum del Terzo settore Piemonte. E con la partecipazione di molti ospiti invitati a portare la propria esperienza di rottura e di cambiamento. C’era anche lo psichiatra Enrico Pascal, definito “il Basaglia piemontese”, in prima linea per l’abbattimento dei “muri” dell’ex manicomio di Collegno. «Si tratta di un ribaltamento culturale e sociale nella cura delle demenze. Lei vada avanti senza indugi!» ha detto Pascal a margine dell’incontro rivolgendosi a Elena Sodano e al lavoro della Ra.Gi. Onlus.


«A Cicala seguiamo una filosofia che portiamo avanti in Calabria da dodici anni per l’umanizzazione delle cure - ha detto Sodano - grazie al suo giovane sindaco questo paese è il riferimento di persone con demenze di dodici paesi vicini. Si tratta di un paese di novecento anime, che abbiamo formato per farle entrare in relazione con le persone con demenze. La cosa bella - ha continuato Sodano - è che in un posto da dove molto spesso i ragazzi devono andare via per sbarcare il lunario, noi invece abbiamo trattenuto, abbiamo messo radici. E questa è la più grande sfida che stiamo facendo in Calabria». Ribadito anche il concetto di normalizzazione delle cure: «Noi - ha dichiarato la presidente della onlus catanzarese - portiamo i pazienti al cinema, al teatro, in pizzeria, affinché possano vivere una vita normale a Catanzaro come a Cicala, cercando di dare città accoglienti che siano per loro tessuto sociale terapeutico». «Proteggeremo queste persone dal nulla esistenziale. E lo faremo fino alla morte», ha concluso Elena Sodano tra gli applausi di un pubblico che poco prima aveva mostrato attenzione per il filmato dedicato all’esperienza di Cicala e disponibile anche sul sito www.ragionlus.com.

 

LEGGI ANCHE: Demenza, a Catanzaro i primi “teci terapeuti” d’Italia

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio