La Calabria dei risparmi e degli sprechi: medici pagati a peso d'oro in una regione in default

VIDEO | All'ospedale di Cosenza si pubblica una manifestazione d'interesse per reperire medici di pronto soccorso a 480 euro a presenza, a Locri e Polistena si assegnano 338mila euro a pediatri, anestesisti, radiologi

di Luana  Costa
21 luglio 2019
12:14
578 condivisioni
Medici, immagine di repertorio
Medici, immagine di repertorio

«Da quello che mi risulta tutti i pronto soccorso della Calabria, sia gli hub che gli spoke, sono in sofferenza - spiega il primario del reparto di Medicina d'Accettazione e d'Urgenza dell'ospedale Pugliese di Catanzaro, Giuseppe Masciari - a causa della mancanza di personale». Il tira e molla sulle assunzioni - deliberate, centellinate e infine nuovamente sospese - non ha giovato ad una regione fortemente provata da anni di piano di rientro costretta a chiudere interi reparti per poter mandare in ferie i propri dipendenti.

 

Quasi 500 euro a presenza

Ma risparmiare non appare possibile, quando di mezzo vi è l'assistenza e la cura dei malati. Spuntano così avvisi pubblici per reperire medici laddove non ve ne sono. Come, ad esempio, al pronto soccorso dell'ospedale di Cosenza che ha indetto una procedura per incarichi libero professionali remunerati al costo di 480 euro a presenza ed è in buona compagnia. «All'ospedale di Polistena la triade prefettizia non sapendo cosa fare perchè la situazione è drammatica ha autorizzato quasi mille turni in più a pediatri, anestesisti e altre specialità» spiega il sondacalista della Uil Medici, Gianluigi Scaffidi. «Il risultato è che paghiamo tre volte quello che potremmo pagare uno per una mancanza di programmazione». Precisamente la spesa ammonta a 336mila euro per tre mesi assegnati a medici che dovranno svolgere turni aggiuntivi tra gli ospedali di Polistena e Locri in Anestesia e Rianimazione, Pediatria, Radiologia, Medicina d'Urgenza, Ortopedia e Traumatologia.

 

I casi più eclatanti 

«Faccio l'esempio del mio ospedale, quello di Reggio Calabria - continua il sindacalista - non abbiamo l'ortopedico di notte, non abbiamo il medico della Medicina d'urgenza abbiamo gli anestesisti contati però abbiamo preso tre logopedisti, un tecnico di audiometria, due ingegneri biomedici, qualche avvocato». Insomma, forse i medici ci sono ma maldistribuiti. «I medici che hanno specialità diverse da quelle dell'urgenza l'utilizzano come trampolino di lancio verso lidi più sicuri» ha confermato il primario del pronto soccorso dell'ospedale Pugliese. Ad un fenomeno quindi di portata nazionale, quello della carenza di medici, se ne affianca un problema squisitamente calabrese. «Ci sarebbe stato un obbligo da parte della struttura commissariale inviata qui a gennaio di individuare il fabbisogno prioritariamente per l'emergenza urgenza. Siamo arrivati a luglio e nessuno ha detto cosa serve nei vari ospedali calabresi e in particolare nel settore dell'emergenza urgenza».

 

Luana Costa

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Luana  Costa
Giornalista

Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio