Vicenda Trento, il sindaco di Cariati: «Si faccia chiarezza»

Dopo il nostro articolo sull’ex assessore provinciale di Cosenza, il primo cittadino Greco invita il procuratore Gratteri a «scoperchiare pentole» sui fatti

di Redazione
30 luglio 2019
19:10
8 condivisioni

«Il gruppo politico e consiliare di minoranza Cariati Unita ed i suoi rappresentanti più alti in grado hanno il dovere morale di andare subito a denunciare nelle sedi ed alle autorità competenti tutti i nomi di loro conoscenza, degli eventuali committenti ai quali, così come è stato dichiarato nei giorni scorsi sui media, sarebbero attribuibili i gravissimi fatti e le circostanze oggetto dell’inchiesta giornalistica, dal titolo “Leonardo Trento, il politico che in Germania lavorava con l’associazione dell’inchiesta Stige”, a firma del Direttore de LaCnews24.it Pasquale Motta».

 

È quanto chiede pubblicamente il sindaco di Cariati Filomena Greco che precisa di «non condividere, senza entrare nel merito dell’articolo in questione, alcuna conclusione o valutazione su chiunque e di qualsiasi natura che non sia supportata da prove e confermate nelle opportune sedi giudiziarie, auspicando quindi che tutti gli interessati possano chiarire ogni posizione emersa».

 

Allo stesso tempo il primo cittadino definisce «le allusioni, le congetture e l’arrogante e violento tentativo di confusione e disinformazione messo in piedi da Cariati Unita, all’indomani di quell’inchiesta di quella testata giornalistica regionale, ancor più gravi degli stessi rocamboleschi retroscena, collegati a quella pesantissima indagine di ‘ndrangheta e che vedono protagonista Leonardo Trento, ex leader socialista cariatese, già consigliere comunale ed assessore provinciale e deus ex machina delle ultime due giunte municipali a guida socialista nelle quali è stato documentatamente creato l’enorme buco finanziario che ha ereditato il Comune di Cariati con grave ipoteca sulla crescita economica e sociale del paese».

 

«Riteniamo – prosegue – che quanto emerso in quella inchiesta giornalistica, rispetto alla quale, per quanto di nostra conoscenza, a distanza di oltre 10 giorni non è comunque seguita alcuna smentita o precisazione di qualsiasi natura ed ancor di più alla luce delle allusioni omissive di Cariati Unita, vi siano ingredienti sufficienti perché sull’intera vicenda, a garanzia della presunzione di innocenza di tutti e dell’immagine di Cariati e dei cariatesi, venga fatta presto massima luce da parte delle autorità competenti. Di quanto trapelato e dei suoi intrecci poco chiari con l’inchiesta Stige potrebbe sicuramente occuparsi, tra i suoi tanti e notori impegni su questioni di rilevante importanza, il presidente della commissione antimafia Nicola Morra. Per quel che ci riguarda – conclude Filomena Greco – augurandoci che l’opinione pubblica cittadina e territoriale possa essere chiamata a confrontarsi, senza peli sulla lingua, su questi ed altri fatti che minano alla radice il senso stesso della fiducia popolare nei propri rappresentanti istituzionali a qualsiasi livello, facciamo appello al procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri affinché possa destinare la massima attenzione possibile a questo territorio, scoperchiando pentole che probabilmente ancora non sono state toccate dalle indagini della magistratura degli ultimi anni», conclude la Greco.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio