Sanità, il Consiglio si ribella al Governo. «Calabria criminalizzata, stop a decreto Grillo»

VIDEO | In coda alla seduta approvato un documento che dà mandato alla Regione di mettere in atto ogni inizativa utile bloccare il provvedimento che toglie alla Cittadella il potere di nominare i manager. Durissimo Oliverio: «Non possiamo accettare che vengano favoriti interessi non sempre leciti». Annunciato anche il ricorso alla Corte Costituzionale

di Riccardo Tripepi
29 aprile 2019
19:44
445 condivisioni
Il presidente Oliverio
Il presidente Oliverio

In coda al dibattito il Consiglio regionale ha poi approvato un ordine del giorno, anche questo bipartisan, per impegnare il presidente del Consiglio regionale e il presidente della giunta ad attuare ogni iniziativa finalizzata «a non rendere operativo il decreto Calabria in materia sanitaria che non permette di assicurare la continuità dell’erogazione delle prestazioni sanitarie concernenti i livelli essenziali di assistenza».

Proprio quel decreto, fortemente voluto dal ministro Giulia Grillo, e approvato dal Consiglio dei ministri che si è riunito a Reggio Calabria lo scorso 18 aprile. Secondo quanto sostenuto nell’odg “il decreto viola l’autonomia della Regione sancita dalla Carta Costituzionale modificando norme ordinatorie attuative dell’art. 120, comma 2, (legge 131/2013), oltre alla presunta incostituzionalità con gli articoli 2,3 e 5 della Costituzione e con l’art. 77 in riferimento alle condizioni di necessità ed urgenza richiamate nel decreto”. Ancora l’odg rileva come il decreto «che dissente da quanto fatto, in ben nove anni, dai Commissari governativi nominati dai Ministeri competenti, non risolverebbe nulla rispetto alle problematiche sanitarie che la Regione vive da oltre un decennio, oggi aggravate dal blocco del turnover del personale che mette a rischio il diritto alla salute dei cittadini calabresi”»

 

Il dibattito in Consiglio

Sull’ordine del giorno è andato in scena un dibattito molto acceso contro la decisione del governo e, più in generale, contro i commissariamenti. Tra i più accesi Mimmo Tallini che ha fortemente criticato anche la gestione di Massimo Scura con Oliverio che annuiva punto per punto e Mimmo Bevacqua e Baldo Esposito, con quest’ultimo che si è appellato anche al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per bloccare l’iniziativa del governo Conte.

Le accuse

Per il capogruppo Pd Sebi Romeo «si tratta di un primo passo per la necessaria mobilitazione contro un provvedimento ingiusto. Il metodo commissariale lungo 10 anni che ha solo aggravato i problemi della sanità calabrese». Romeo ha poi difeso a spada tratta l’operato del governatore Mario Oliverio «che ha avuto atteggiamento coerente nei confronti di tutti i governi nazionali con il solo obiettivo di difendere il diritto alla salute dei calabresi». E poi durissime accuse: «E’ evidente che ci sono interessi per far restare la Calabria commissariata e che ci sono gruppi di potere che hanno interesse a far rimanere le cose come stanno. Ad esempio mi chiedo è possibile che fin qui l’advisor Kpmg non abbia mai risposto del suo operato?».

Gianluca Gallo, pur condividendo il documento, ha però evidenziato come «non si possano addossare solo ai governi nazionali le responsabilità di quanto sta avvenendo, perché è evidente che ci sono anche responsabilità di questo ultimo governo regionale sotto il quale il deficit è cresciuto».

 

Le parole del presidente Oliverio 

A chiudere il dibattito il governatore Mario Oliverio: «Da un Consiglio dei ministri straordinario mi sarei aspettato provvedimenti straordinari su occupazione o sul porto di Gioia Tauro. Invece niente di tutto questo. Soltanto provvedimenti volti a criminalizzare la Calabria che viene descritta come un covo di malaffare e criminalità». Oliverio ha poi ripercorso l’iter del suo governo e delle sue scelte addossando ai Commissari ogni responsabilità, anche sulle gestioni delle Asp, compresa quella di Reggio Calabria.

Il presidente ha poi fatto un parallelismo con gli altri commissariamenti, come quello sui rifiuti: «in oltre dieci anni non hanno risolto niente ma solo creato le condizioni per mantenere la situazione rispondendo a un potere centrale e ad interessi non sempre leciti».

Il presidente della giunta ha poi annunciato il ricorso alla Corte Costituzionale contro il decreto Sanità non appena sarà pubblicato «perché è viziato da incostituzionalità, lede l’autonomia della Regione senza neanche essere stato sottoposto alla Conferenza Stato-Regioni».

 

Riccardo Tripepi

 

LEGGI ANCHE: Decreto sanità, l’ex commissario Scura: «Pura propaganda»

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio