Rende, Tennis club sfrattato. Principe: «Accanimento incomprensibile»

Il candidato sindaco dell'area riformista non ha dubbi: «Inutile braccio di ferro che non giova alla città»

di Salvatore Bruno
4 maggio 2019
15:23
138 condivisioni

«Il tennis club di Rende diretto dal maestro Zicarelli ha dato lustro, decoro e prestigio a questa città. Non capiamo le ragioni di questo accanimento». Così il candidato a sindaco, Sandro Principe, sulla vicenda dello sfratto dell’Associazione sportiva dagli impianti di Commenda. «Senza entrare nel merito della questione che si risolverà in altre sedi – aggiunge - non possiamo che condannare l’agire di questa amministrazione. Prima firma con il club una proroga di utilizzo della struttura per consentire di concludere la stagione sportiva, poi disattende l’intesa mettendo di punto in bianco i sigilli alla struttura e, di fatto, bloccando tutte le attività».

Penalizzati gli amanti di questo sport

A chi giova tutto ciò – si chiede Sandro Principe - Non certo ai tanti sportivi ed appassionati di questo sport che tanto di nicchia non è. I numeri parlano di circa 100 iscritti, di tornei e gare regionali ed interregionali che richiamano a Rende tantissime persone. Proprio mentre apponevano i sigilli sarebbe dovuto iniziare il torneo di terza e quarta categoria maschile e femminile con tanti giovani campioni in erba. La prossima settimana sarebbero dovute iniziare lezioni gratuite di avviamento allo sport per i piccoli dell’adiacente asilo comunale. Noi – insiste il candidato a sindaco - siamo al fianco di chi ama lo sport e vuole praticarlo nella propria città anche ad alti livelli. Il dovere di un sindaco dovrebbe essere quello di valorizzare le belle realtà esistenti che danno lustro alla città e svolgono anche una importante funzione di collante sociale – conclude Sandro Principe - piuttosto che fare inutili bracci di ferro che giovano evidentemente solo a chi guarda ai propri interessi e non a quelli della città».

 

LEGGI ANCHE: Rende, Tennis club sfrattato. Manna: «Ripristinata la legalità»

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio