Bando periferie, Falcomatà: «Pronti ad azioni eclatanti»

Il sindaco di Reggio racconta l'audizione dei primi cittadini a Montecitorio. «Un furto da oltre tre miliardi di euro che penalizza 20 milioni di cittadini. Siamo stati lasciati soli da Governo e Istituzioni». Stigmatizza poi le dichiarazioni del deputato Cinque Stelle Forciniti: «Ha detto che le periferie non rientrano tra le priorità del governo»

di Riccardo Tripepi
mercoledì 5 settembre 2018
15:39
163 condivisioni

I sindaci sono pronti ad azioni eclatanti, giudiziarie e non, per contrapporti alla decisione del governo di azzerare il Bando Periferie. Lo dice chiaramente il sindaco di Reggio Giuseppe Falcomatà che ha preso parte all’audizione a Montecitorio, insieme agli altri colleghi italiani e al presidente dell’Anci Antonio Decaro, che ha respinto le istanze dei primi cittadini. «Intanto vanno sottolineati modi e termini di questa convocazione. Solitamente l’Anci veniva convocata all’interno delle sedi ministeriali e aveva un colloquio diretto con ministri e sottosegretari, e anche con i presidenti del Consiglio. Inoltre tutte quelle che erano decisioni che avevano ricadute sui Comuni e, quindi, sulla quotidianità dei cittadini, venivano condivise».

 

Stavolta non è stato così?

«Nelle scorse settimane abbiamo assistito ad un atto unilaterale con l’inserimento di una norma all’interno del decreto mille proroghe che costituisce un vero e proprio furto con destrezza. Con un colpo di mano, e all’unanimità, sono stati cancellati oltre 3 miliardi di finanziamenti per Comuni e Città Metropolitane. In seguito a tale decisione i sindaci hanno assunto una posizione molto forte e, dopo settimane di richieste vane, siamo stati finalmente auditi dalla Commissione affari istituzionali in seduta congiunta con la Commissione Bilancio. Un’audizione, peraltro, cominciata con due ore di ritardo rispetto all’orario prefissato».

Quali le ragioni che avete rappresentato?

«Da un punto di vista politico è stato sottolineato che una decisione del genere impedisce lo sviluppo di aree che riguardano 20 milioni di cittadini italiani. Da un punto di vista giuridico si viene meno alle convenzioni siglate il 17 dicembre 2017 a palazzo Chigi alla presenza dell’allora premier Paolo Gentiloni. Dopo la firma molti Comuni hanno assunto obblighi e obbligazioni di natura economica e giuridica, a partire dalle progettazioni. Alcuni Comuni avevano chiesto anticipazioni di tesoreria per pagare i primi stadi di avanzamento lavori».

 

Quali le risposte del Governo?

«Purtroppo le ragioni illustrate da Decaro non hanno trovato riscontro da parte dei commissari che, nella migliore delle ipotesi, si sono dimostrati distratti. Nella peggiore delle ipotesi, invece, come ha osservato qualche parlamentare calabrese la risposta è stata quella che il provvedimento è stato emanato perché lo sviluppo delle periferie non rientra tra le priorità del Governo e che se governo del cambiamento deve essere, il cambiamento passa anche attraverso queste decisioni».

 

Si sta riferendo alle dichiarazioni del deputato Forciniti?

«Si le dichiarazioni sono di Forciniti».

 

Adesso cosa farete?

«Intanto abbiamo fortemente stigmatizzato le decisioni del governo e siamo pronti, anche come Anci, ad azioni eclatanti anche di natura giudiziaria. Procedendo così si rischia di creare un pericoloso precedente. Con un colpo di mano sono stati cancellati i bandi per le periferie, adesso non mi meraviglierebbe che, allo stesso modo, si possano levare i finanziamenti ai Patti per il Sud o per le scuole».

 

La deputazione calabrese sta sostenendo questa vostra battaglia?

«In realtà stiamo registrando l’assenza della deputazione calabrese di tutti i colori e le appartenenze, nonchè l’assenza di tutti coloro che a livello indiretto perdono le ricadute che avrebbero avuto i 110 milioni previsti per Reggio, Cosenza e Catanzaro. Ci saremmo aspettati una presa di posizione così come avvenne dopo poche settimane dalla mie elezione quando il governo dell’epoca aveva manifestato l’intenzione, poi non attuata, di definanziare 3 milioni del Decreto Reggio, una misura da 280 milioni. All’epoca fu un fiorire di dichiarazioni indignate che parlavano di scelta scellerata. Oggi davanti a un vero e proprio furto con destrezza, l’unico rumore assordante è quello del silenzio delle Istituzioni e dei soggetti che dovrebbero tutelare gli interessi dei cittadini».

Riccardo Tripepi

 

Leggi anche: Bandi periferie, il Governo conferma il blocco che alla Calabria costa 110 milioni di euro

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: