Bando periferie, per Reggio 58 milioni a rischio. Ecco le località che perderebbero i fondi

VIDEO | La norma inserita dal governo nazionale nel decreto milleproroghe blocca i finanziamenti per la riqualificazione di molte aree della città metropolitana. Secondo il sindaco Falcomatà si tratta di «un furto con destrezza». Dal Consiglio comunale protesta unanime

di Riccardo Tripepi
venerdì 10 agosto 2018
16:48
32 condivisioni

Tegola pesantissima per le amministrazioni comunali italiane e per quella di Reggio Calabria. Il governo giallo verde ha inserito nel decreto mille proroghe una norma che blocca il Bando Periferie ormai entrato nella fase esecutiva. Soltanto a Reggio tra Comune e Città Metropolitana si rischia di perdere qualcosa come 58 milioni di euro o, quantomeno, di vedere le somme congelate fino al 2020.

 

La cosa che lascia più perplessi è che il blocco arrivi in una fase troppo avanzata della progettazione e che non abbia alcuna giustificazione. Si tratta soltanto di un trasferimento di denaro da una capitolo ad un altro della spesa. Tanto che il sindaco di Benevento Clemente Mastella ha intenzione di ricorrere al Tar e di sollevare una questione di legittimità costituzionale.

 

Le località più danneggiate

Per quel che attiene Reggio, il Comune rischia di perdere i 18 milioni stanziati sul finire del 2017, quando i sindaci si presentarono davanti all’allora premier Paolo Gentiloni per firmare gli accordi con tanto di striscia tricolore, per il recupero del centro di Podargoni (dove era stato prevista anche la realizzazione di un albergo diffuso) anche e investimenti nella periferia Nord. La Città Metropolitana, invece, potrebbe vedere sfumare 40 milioni. Oltre la metà dei quali previsti per tentare di dare fiato all’area della Locride (Africo, Agnana. Bianco, Camini, Canolo, Caraffa del Bianco, Casignana. Caulonia. Gerace, Grotteria, Locri, Mammola, Roccella Jonica, Sant’Agata del Bianco, Siderno, Stignano e Stilo dove avrebbe dovuto essere realizzata la circonvallazione).

 

Falcomatà invita alla mobilitazione popolare

Il sindaco Giuseppe Falcomatà non ha nascosto la propria delusione: «I sindaci sanno che la sfida più grande per lo sviluppo della città si gioca nelle periferie sia per la rigenerazione urbana, che per la sicurezza. Per questo i governi di centrosinistra avevano stanziato quasi 4 miliardi per il recupero delle periferie. Per questo lo scorso hanno sono state siglate le convenzioni a palazzo Chigi che hanno sancito impegni vincolanti. Assistiamo a un vero e proprio furto con destrezza. Quando si parla di governo del cambiamento possiamo dire che sicuramente è così, ma per le città si tratta di un cambiamento in peggio».

 

Il primo cittadino, dunque, invita alla mobilitazione popolare. «Stiamo assistendo in queste ore a una grande mobilitazione dei sindaci attraverso Anci e senza divisioni di partito. Trasversalmente i sindaci, di destra e di sinistra o appartenenti ad altri movimenti, hanno condannato l’azione del governo con l’inserimento di questa norma nel decreto mille proroghe. Anche Renzo Piano che, sul rammendo delle periferie ha fatto una battaglia di vita, ha criticato il governo. Dobbiamo spiegare che questa non è una sottrazione ai sindaci, ma ai cittadini. La battaglia deve uscire dal campo degli addetti ai lavori, ma diventare di popolo».

 

Appoggio unanime dal Consiglio comunale 

Dal Consiglio comunale, intanto, si è avuto un primo segnale. All’unanimità il civico consesso ha approvato un ordine del giorno che è stato approntato dal capogruppo del Pd in Aula Antonino Castorina, che chiede attenzione da parte della deputazione calabrese. «Il provvedimento colpisce tutte le attività fin qui messe in campo per riqualificare le periferie. Con l’ordine del giorno approvato oggi non solo diamo pieno mandato al sindaco rispetto all’interlocuzione con il governo nazionale, ma chiediamo una Conferenza Unificata tra Governo e rappresentanti dei Comuni per sbloccare le risorse già previste». Castorina ricorda come il provvedimento debba tornare alla Camera dopo l’approvazione da parte del Senato. «Ci aspettiamo un segnale forte da parte dei nostri rappresentanti in Parlamento. Tutte le forze sane della società devono fare scudo per opporsi ad una decisione iniqua, sbagliata e senza orizzonte».

Riccardo Tripepi

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: