Troppe assenze, slitta il Consiglio regionale. La maggioranza conferma il momento di crisi

L'Assemblea che avrebbe dovuto svolgersi il 13 luglio viene spostata al 17. Troppe le assenze preventivate per quella giornata, compresa l'impossibilità di Oliverio. In discussione ci sarà il rendiconto di Palazzo Campanella

di Riccardo Tripepi
mercoledì 11 luglio 2018
10:33
42 condivisioni

Slitta la seduta di Consiglio regionale che era stata messa in calendario per venerdì 13 giugno. Impegni istituzionali del governatore Mario Oliverio e numerose assenze annunciate hanno convinto il presidente del Consiglio Nicola Irto a modificare il programma previsto dalla Conferenza dei capigruppo. La massima assemblea elettiva calabrese tornerà a riunirsi il prossimo 17 luglio con il medesimo ordine del giorno.

Tra i punti più delicati l’approvazione del rendiconto di palazzo Campanella, che copre i costi di funzionamento del Consiglio, che non può essere messo a rischio dai soliti “buchi” all’interno della maggioranza.

Per evitare ogni possibile sbavatura, dunque, Irto ha deciso di procedere con la massima prudenza e mediare fra le esigenze di tutti in modo tale da garantire la partecipazione più ampia alla seduta. Si ricorderà, infatti, che in occasione delle ultime otto sedute di Consiglio, per ben sette volte i lavori sono stati interrotti per assenza del numero legale. Una circostanza che ha evidenziato tutti i problemi di tenuta di una maggioranza che vive un profondo momento di crisi. Dopo l’autosospensione di Domenico Bevacqua dal gruppo del Pd a palazzo Campanella, non si ferma il lavorio dei vari Carlo Guccione e Enzo Ciconte che cercano i numeri per formare un gruppo autonomo e formalizzare la propria posizione critica nei confronti del governatore Oliveiro e della gestione del gruppo democrat da parte di Sebi Romeo.

Da più parti continua ad invocarsi una verifica interna alla maggioranza per trovare un accordo che consenta di arrivare alla fine della legislatura senza ulteriore sbavature. Ma le richieste, almeno fino a qui, non hanno trovato alcun valido interlocutore.

 

Sempre il prossimo 17 luglio il Consiglio regionale dovrebbe poi procedere alla surroga di Giuseppe Mangialavori, eletto senatore con Forza Italia, con Claudio Parente, primo dei non eletti nella circoscrizione di Vibo. Non hanno avuto esito i reclami e le diffide formulate da Gianpaolo Chiappetta che dovrà adesso rivolgersi alla Magistratura ordinaria per poter tutelare il proprio diritto.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: