Elezioni a Corigliano-Rossano, anche Fi potrebbe convergere su Graziano

Più indiscrezioni vogliono un avvicinamento del partito azzurro alla coalizione costituente del generale. E questo potrebbe rimescolare ancora le carte in vista della presentazione delle liste prevista per il prossimo 27 aprile

di Marco  Lefosse
13 aprile 2019
11:56
29 condivisioni
Il generale Graziano
Il generale Graziano

E alla fine anche Forza Italia potrebbe finire alla corte del generale Graziano. Le dinamiche politiche di Corigliano-Rossano, attesa dalla grande sfida elettorale dalla quale uscirà il primo sindaco della nuova terza Città della Calabria, sembrano ormai delinearsi ed il centrodestra, sempre più in forma compatta, potrebbe dare forza e sostegno alla coalizione, cosiddetta costituente che mette insieme anime liberali, riformiste, cattoliche, democratiche, moderate, ambientaliste, sovraniste e poi ancora grande parte del mondo sociale e associazionistico ionico, e che sostiene proprio il già segretario questore del Consiglio regionale nonché promotore e firmatario della legge sulla fusione dei due ormai estinti municipi della Sibaritide. 

Centrodestra civico, movimentista e tutto unito

Ma l’arrivo anche di Forza Italia nel contenitore di Graziano, al quale va dato merito di aver saputo trovare una amalgama quasi perfetta tra aree di diversa provenienza (sintomatico di una certa autorevolezza e scaltrezza), potrebbe ridisegnare la geografia politica del territorio, ritrovando alla prova del nove – quella delle elezioni – un centrodestra in formato civico e movimentista. Quello che, insomma, piace al nuovo popolo social-liberale-sovranista. 

Del resto, se così fosse, Graziano avrebbe ricompattato in un colpo solo tutte le anime del centro e della destra sibarita che non si ritrovavano insieme dal lontano 2006 e, senza nascondere la polvere sotto il tappeto, nel segno di una coalizione vincente avrebbe riportato in pari anche gli equilibri con i quadri dirigenziali del partito azzurro, regionale e provinciale. Con i quali – ricordiamo - i rapporti, dopo lo strappo avvenuto per la vicenda della ri-elezione dello stesso Graziano a Segretario questore nel 2017, si erano lacerati del tutto poi con l’avvicendamento di Gallo sullo scranno di palazzo Campanella che era appunto del generale. 

I colonnelli forzisti di Corigliano-Rossano a lavoro per la lista

E c’era stato pure, all’inizio, un tentativo della triade Santelli-Occhiuto-Gallo di creare una fronda opposta alla candidatura di Graziano a Corigliano-Rossano ma evidentemente i feedback ricevuti dalla base della nuova città ionica non sono stati del tutto entusiasmanti. Oggi, infatti, si vocifera che i locali colonnelli forzisti stiano già lavorando alla lista che al fotofinish (le candidature dovranno essere presentate entro le ore 12 di sabato 27 aprile) potrebbe accasarsi appunto nella coalizione costituente per Graziano sindaco. A lavorare a questo piano, con il consenso di Jole Santelli, Roberto Occhiuto e Gianluca Gallo e con l’avallo dei quadri nazionali di Forza Italia, ci sarebbero  Giuseppe Turano (il cui nome nei mesi scorsi era circolato per una candidatura a sindaco) e Guglielmo Converso. Due esponenti di spessore nei quadri dirigenziali del partito azzurro provinciale. 

Il ruolo degli ex consiglieri Olivieri e Caravetta 

Ma le novità non dovrebbero fermarsi solo a questo. Se davvero dovesse concretizzarsi l’approdo di Forza Italia nella coalizione costituente, questo potrebbe generare un movimento tellurico anche in altre formazioni politiche delineatesi da tempo e che si apprestano alla campagna elettorale per le comunali di Corigliano-Rossano. Una su tutte quella di “Civico e Popolare” che sostiene Gino Promenzio. Già, perché se davvero FI decidesse di sostenere convintamente il generale (uscendo con un risultato forte che potrebbe essere poi spendibile anche per le elezioni regionali), dalla costola dell’ortopedico pediatrico, sostenuto dal Partito Democratico, da una parte della sinistra radicale e da una fronda civica, potrebbero staccarsi due nomi di spicco: gli ex consiglieri comunali coriglianesi, Fabio Olivieri e Angelo Caravetta, vicini entrambi – e non da oggi - agli ambienti dirigenziali forzisti. 

Fantapolitica? Non si sa ma i conti verranno presto fatti, mancando appena 15 giorni alla fatidica campanella della presentazione delle liste. Ma c’è chi scommette che anche dopo il 27 aprile le dinamiche politiche della campagna elettorale nella nuova terza città della Calabria saranno in continua evoluzione.

 

LEGGI ANCHE: Elezioni a Corigliano Rossano, Giuseppe Graziano scende in campo

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Marco  Lefosse
Giornalista

Sono Marco Lefosse, classe 1982. Giornalista pubblicista dal 2011 e Idealista nel DNA. Appena diciottenne scrivo alcuni brevi contributi sulla nuova esperienza della giovane destra...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio