Bonisoli a Cosenza, Giacomo Mancini: «Solo una passerella»

Dubbi dell'ex parlamentare sulla volontà del governo gialloverde di sostenere il centro storico del capoluogo bruzio. E sulla querelle con Occhiuto: «Zuffa indecorosa»

di Salvatore Bruno
20 gennaio 2019
11:37
41 condivisioni

«Peccato. Speravamo che la visita a Cosenza del Ministro per i beni culturali potesse dare risposte alla nostra città ad iniziare dalla speranza di ripresa per il centro storico. E invece abbiamo assistito a niente di più di una passerella» così l’ex parlamentare socialista Giacomo Mancini commenta l’iniziativa organizzata nel capoluogo bruzio con Alberto Bonisoli.

Zuffa indecorosa con il sindaco

«Silenzio da parte del Ministro su progetti, su tempistiche, su modalità di accesso per il pubblico e per i privati e sulla governance per l’utilizzo dei 90 milioni stanziati dal precedente governo. Tanto da far sorgere - ha proseguito Mancini - più di un dubbio sulla reale volontà del governo gialloverde di confermare il finanziamento per il centro storico. In più la zuffa indecorosa tra il sindaco e il Ministro (hanno sbagliato entrambi a non ricercare il dialogo) rischia di compromettere il buon esito di altri progetti che potrebbero rendere migliore la nostra città. Insomma una occasione persa per Cosenza e i cosentini».

Prevalgono gli interessi elettorali

«Infatti quando ad ispirare i comportamenti di chi ha importanti responsabilità istituzionali nazionali e anche locali - ha concluso Mancini - sono solo gli interessi elettorali del proprio partito e dei suoi proconsoli cosentini, o della propria persona in vista delle prossime regionali a perdere sono sempre i cittadini. Questa volta noi cosentini».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio