Tutti con Gratteri, Aiello (M5s): «La legalità va di moda ma contano i fatti»

Il candidato alla presidenza della Regione rimarca il lavoro solo dal Movimento: «Negli ultimi sei anni presentati circa mille esposti nelle procure calabresi»

di Redazione
18 gennaio 2020
12:36
86 condivisioni
M5s, Francesco Aiello
M5s, Francesco Aiello

«Restiamo vicini al procuratore Nicola Gratteri, ma per affermare la legalità in Calabria non bastano le parole e gli annunci a costo zero». Lo afferma, in una nota, Francesco Aiello, candidato dell’alleanza civica del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Calabria in occasione della manifestazione andata in scena a Catanzaro per sostenere il magistrato.

L'impegno per la legalità dei 5s

«Ora la legalità va di moda, in politica. Ma nel merito – prosegue Aiello – contano i fatti. Soltanto il Movimento 5 Stelle ha denunciato alle Procure calabresi atti e prassi irregolari dell’amministrazione pubblica, riguardo alla gestione della sanità, del ciclo dei rifiuti, degli uffici regionali e degli enti locali. Negli ultimi 6 anni i parlamentari calabresi del Movimento 5 Stelle hanno presentato all’autorità giudiziaria circa mille esposti dettagliati su abusi, ingiustizie, sprechi di risorse pubbliche, assegnazione di incarichi illegittimi e affidamenti diretti. Non solo: con le loro diffide a dirigenti pubblici, gli stessi parlamentari – rimarca l'esponente pentastellato – hanno fatto revocare numerosi atti illegittimi; dalle nomine di primari non autorizzate dai commissari del governo a convenzioni illecite per l’esercizio di attività sanitarie».

«Le parole devono essere accompagnate dai fatti»

Per il docente universitario: «Noi possiamo parlare di legalità con limpida coerenza, avendo operato in concreto nell’interesse dei calabresi. Quando le parole non sono accompagnate dai fatti, si prende in giro l’elettorato e l’intera comunità. Mi stupisce l’innamoramento per Salvini da parte di amministratori pubblici che avevano denunciato, per esempio, le forzature sull’ospedale nuovo della Piana di Gioia Tauro, avvenute in deroga alle norme ordinarie a causa dell’emergenza sanitaria ordinata nel 2007».


LEGGI ANCHE - 
Elezioni regionali 2020 in Calabria: candidati, data e guida al voto

Le elezioni regionali

Quindi l’appello in vista della chiamata alle urne: «Il 26 gennaio – dice Aiello – noi calabresi saremo chiamati a un voto sulla coerenza. La legalità nell’amministrazione regionale è, come Gratteri ha ribadito più volte e come confermano le inchieste di tutte le Procure, il primo problema di cui in Calabria si deve occupare la politica. Centrodestra e centrosinistra - conclude - non hanno curriculum a riguardo, poiché non hanno prodotto denunce, hanno sempre taciuto rispetto alle nostre e hanno addirittura negato i fatti che abbiamo rappresentato, infine accertati dalla magistratura».

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio