Sale nuovamente sul tetto della centrale Enel: «Mi hanno preso in giro»

L'ex operaio di Corigliano-Rossano che chiede di essere riassunto si era già reso protagonista di un gesto eclatante nello scorso  settembre, quando aveva urlato la propria rabbia dalla ciminiera posta ad una altezza di centro metri

di Marco  Lefosse
14 novembre 2019
11:25
155 condivisioni

«Mi hanno preso in giro. Hanno fatto solo parole, sono passati due mesi dall'impegno a trovare una soluzione alla mia vertenza lavorativa ma ad oggi non si è visto nulla». È così che Giuseppe Bosco, 58 anni ed ex operaio Enel, stamattina si è arrampicato sulla struttura dell’ormai dismessa centrale elettrica di contrada Cutura a Rossano. Questa volta sta presidiando il tetto delle caldaie, a circa 30 metri di altezza, in attesa che qualcuno lo ascolti e gli dia considerazione.

L’ultima volta che l’uomo inscenò la protesta era il 16 settembre scorso (LEGGI QUI: Corigliano-Rossano, disoccupato disperato sale sulla ciminiera dell’Enel). Allora fu il sindaco di Corigliano-Rossano, Flavio Stasi, ad arrivare sul sito della centrale e far desistere l’ex operaio, dopo una lunga trattativa condotta alla presenza dei vertici della società energetica.

Ricordiamo che il polo elettrico di Rossano, una delle centrali termoelettriche più importanti del meridione, non è più in produzione ed è ormai in totale dismissione in attesa di un riutilizzo del sito.  

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Marco  Lefosse
Giornalista

Sono Marco Lefosse, classe 1982. Giornalista pubblicista dal 2011 e Idealista nel DNA. Appena diciottenne scrivo alcuni brevi contributi sulla nuova esperienza della giovane destra...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio