Partita dall'aeroporto di Reggio la lunga marcia di protesta dei sindacati

VIDEO | I sindacalisti percorerranno a piedi 150 chilometri fino ad arrivare il 10 luglio a Caulonia. Si tratta di un'iniziativa di denuncia delle condizioni in cui versano i sistemi ferroviario, portuale e aeroportuale della provincia le quali ricadono sull'intera mobilità calabrese 

di A. P.
giovedì 4 luglio 2019
13:47
86 condivisioni

Sono partiti dall’aeroporto di Reggio Calabria i sindacalisti della Filt Cigl regionale per la prima tappa della “lunga marcia”. L’iniziativa vedrà diversi gruppi di iscritti alla sigla sindacale percorrere 150 chilometri a piedi passando attraverso i centri di Lazzaro, Bova Marina, Brancaleone, Bianco, Siderno,  Roccella fino ad arrivare il 10 luglio a Caulonia marina. È una marcia di denuncia e di protesta contro le condizioni in cui versano i sistemi ferroviario, portuale e aeroportuale reggino. Non è una caso che la partenza sia stata proprio dal “Tito Minniti”, uno scalo che dopo anni di cattiva politica e gestione, vede ancora pochi voli, e di conseguenza meno passeggeri, e soprattutto registra criticità sul fronte dei diritti dei lavoratori. «È un aeroporto simbolo del degrado del sistema di mobilità di questa regione- afferma Nino Costantino, segretario generale della  Filt Cigil Calabria.

 

Non è possibile che la città metropolitana reggina abbia aeroporto che ancora non supera i 350 mila passeggeri l’anno». Durante la lunga marcia il sindacato testimonierà con video e foto le carenze delle infrastrutture e tutti i documenti verranno portati al governo affinché si instituisca un tavolo per vare investimenti e attuare interventi. Tra tutti quelli per il porto di Gioia Tauro e il completamento della elettrificazione sulla linea jonica. «Senza un ammodernamento infrastrutturale della Calabria- chiosa il sindacato- il rischio concreto è quello di un ulteriore isolamento e abbandono, dell'asfissia economica, dello spopolamento delle aree interne, della fuga dei giovani cervelli calabresi». L’iniziativa sarà quindi itinerante e coinvolgerà i territori con dati e proposte.

 

A Bova Marina, Siderno e Caulonia si terranno tre dibattiti in piazza sui temi dello sviluppo e dell'ammodernamento infrastrutturale della Calabria anche attraverso il ricordo di personalità meridionali a cui parteciperanno intellettuali, sindacalisti, rappresentanti delle Istituzioni, giornalisti, espressioni del volontariato e dell'associazionismo. «Al termine di questa esperienza chiederemo un teavolo tecnico- conclude Costantino-con il ministro del lavoro, Di Maio,  e dei Trasporti, Toninelli, per dimostrare con le foto e con le attività della sigla che le cose in Calabria possono cambiare. Forse loro non lo sanno, ma in Calabria si possono investire risorse, che ci sono e che si devono trovare, per dare dignità ad un popolo.Dignità  che non ha in questo momento».

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: