La Scirubetta: dalla Calabria il primo gelato della storia

La preparazione ricompare nelle case dei calabresi con la neve. Una tradizione secolare introdotta, secondo alcuni storici, dagli arabi 

di Salvatore Bruno
giovedì 10 gennaio 2019
13:45
3464 condivisioni

Prendi un po’ di neve fresca dal davanzale del balcone, condisci in un bicchiere con il miele di fichi, elemento presente in ogni dispensa cosentina che si rispetti, e gusta la scirubetta, il più antico dei gelati conosciuto al mondo.

Tradizione che affonda radici lontane

La tradizione secolare si rinnova appena la città viene coperta dalla coltre bianca. Secondo alcuni storici, furono gli arabi ad introdurla con il termine aramaico di sharab, che indicava un succo di frutta rinfrescante, da cui sarebbe poi derivato non solo il nome dialettale scirubetta (o scirubedda), cioè piccolo sciroppo, ma anche le parole italiane sorbetto e sciroppo.

Gelato antico noto in tutta la Calabria

Non si tratta di una esclusiva della provincia di Cosenza. Al contrario, la scirubbetta sopravvive in tutta la Calabria e viene preparata, con diverse varianti, principalmente utilizzando caffè e liquori, in migliaia di case, appena dal cielo comincia a cadere l’elemento principale della ricetta: la neve. Senza porsi troppe domande sulle alterazioni che l’inquinamento atmosferico, potrebbe causare alla materia prima.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: