Gioia Tauro, la prima chiesa italiana su un terreno confiscato alla 'ndrangheta (VIDEO)

Due giorni di festa per l'apertura al culto dopo la costruzione durata 7 anni. Il terreno, assegnato alla diocesi di Oppido-Palmi nel 2004, era appartenuto al clan Piromalli

di Agostino Pantano
20 ottobre 2017
16:30
Condividi
Gioia Tauro
Gioia Tauro

Due giorni di festa, a Gioia Tauro, per l'apertura al culto della prima chiesa italiana costruita su un terreno confiscato alla mafia.

La cerimonia, cominciata ieri con un convegno concluso dal prefetto Michele Di Bari - cui seguirà oggi la dedicazione ufficiale a San Gaetano Catanoso - arriva a sette anni dalla posa della prima pietra. L'edificio sacro, che si triova alle porta della città, nei pressi dello svincolo autostradale, è stato realizzato grazie ai fondi dell'8xmille. Il terreno, assegnato alla diocesi di Oppido-Palmi nel 2004, era appartenuto al clan Piromalli.  

 

Agostino Pantano
Giornalista

Agostino Pantano, giornalista professionista, 43 anni, vive a San Ferdinando. È stato corrispondente dei quotidiani Gazzetta del Sud e Il Domani della Calabria. Dal 2006 al 2010 ha diretto l...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio