Operazione Stige, scarcerato l’imprenditore Mario Siciliani

Per gli inquirenti avrebbe messo a disposizione i propri immobili a favore della cosca Farao-Marincola. Si sarebbe adoperato inoltre per l’elezione dei fratelli Nevio e Roberto alle amministrative

 

di L. C.
martedì 4 settembre 2018
09:20
6 condivisioni

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha accolto l’appello cautelare avanzato dagli avvocati del foro del capoluogo Antonio Lomonaco e Giovani Zagarese così disponendo la scarcerazione di Mario Siciliani, noto imprenditore nell’area cirotana, rimasto coinvolto nell'operazione Stige e ritenuto dalla DDA di Catanzaro gravemente indiziato del delitto di partecipazione ad associazione mafiosa di stampo ‘ndranghetistico denominata Farao-Marincola, poiché si sarebbe colluso con i plenipotenziari della consorteria per determinare l’elezione dei fratelli Nevio e Roberto alle elezioni amministrative (in basso con i congiunti).

Secondo le accuse Siciliani in concorso con i fratelli si rendeva, altresì, intestatario di beni immobili, anche attraverso l’impresa “Ionica Immobiliare Srl” con sede a Cirò Marina, mettendoli a disposizione della cosca mafiosa, sia per le necessità abitative dei partecipi, che per le loro attività imprenditoriali.

 

Leggi anche: Operazione Stige, scarcerato l’ex vicesindaco di Cirò

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

L. C.
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream