‘Ndrangheta: i Soriano di Filandari volevano uccidere il boss di Zungri

Il nuovo collaboratore di giustizia, Emanuele Mancuso, svela agli inquirenti le sue verità sugli equilibri mafiosi nel Vibonese

di G. B.
giovedì 10 gennaio 2019
19:04
44 condivisioni
Emanuele Mancuso e Giuseppe Accorinti
Emanuele Mancuso e Giuseppe Accorinti

Il boss di Zungri, Giuseppe Accorinti, doveva morire. Personaggio troppo scomodo per i Soriano di Filandari che ne avevano pianificato l’omicidio. Trova ulteriori conferme nelle nuove ed inedite dichiarazioni di Emanuele Mancuso - che dal giugno scorso ha deciso di collaborare con la giustizia - l’ipotesi investigativa dell’inchiesta “Nemea”, giunta alla richiesta di rinvio a giudizio.


I carabinieri del Nucleo Investigativo di Vibo, coordinati dal pm della Dda di Catanzaro Annamaria Frustaci, avevano già ricostruito nel marzo dello scorso anno (prima dell’avvio della collaborazione di Emanuele Mancuso) l’astio nutrito da Leone Soriano nei confronti di Giuseppe Accorinti. Quest’ultimo, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza, sarebbe andato a dimorare dai suoceri e quindi nel territorio comunale di Filandari. Una presenza ingombrante, quella di Giuseppe Accorinti, che avrebbe portato Leone Soriano a telefonare persino ai carabinieri indicando il luogo dove poter trovare il boss di Zungri che in un dato lasso temporale si era reso irreperibile. 

Dalle nuove dichiarazioni di Emanuele Mancuso e dagli ulteriori approfondimenti investigativi dell’inchiesta “Nemea” emergono diverse circostanze sinora inedite: l’agguato nei confronti di Giuseppe Accorinti era stato pianificato dai Soriano di Filandari “con il benestare di soggetti riconducibili al locale” di ‘ndrangheta di Vibo Valentia. Non solo. Emanuele Mancuso racconta anche di passati episodi che l’hanno visto in contrapposizione con Giuseppe Accorinti per debiti inerenti ingenti quantitativi di droga. Situazioni che per gli inquirenti avrebbero “giustificato l’alleanza di Emanuele Mancuso con la ‘ndrina dei Soriano in quanto tutti si trovano in netta contrapposizione al potere manifestato da Accorinti”.


Lo stesso Giuseppe Accorinti di cui Leone Soriano avrebbe subito sospettato quando i carabinieri in alcuni terreni di Filandari erano andati alla ricerca di sostanze stupefacenti, tanto che in un’intercettazione fra Francesco Parrotta, Leone Soriano e Giuseppe Soriano (nipote di Leone), i tre “discutono su quale sia la soluzione migliore “per uccidere Giuseppe Accorinti, alias Peppone, evidenziando la disponibilità di armi ed esplosivi, nonché la consapevolezza che anche altri gruppi criminali hanno in animo di eliminare fisicamente lo stesso Accorinti”. 

Del tutto inedite le dichiarazioni rilasciate sul punto da Emanuele Mancuso nell’interrogatorio del 10 luglio scorso. “Giuseppe Soriano aveva dei rapporti con Peppone Accorinti. Non so dire esattamente di che natura fossero questi rapporti, posso però riferire di essere a conoscenza - spiega Emanuele Mancuso - dell’esistenza di un debito che Peppone Accorinti aveva nei confronti di Giuseppe Soriano di 7mila euro che mi venne confermato anche dallo zio Leone Soriano. Non so se si trattasse di proventi estorsivi o se si trattasse di un debito per droga. Posso riferire che ho ritenuto si trattasse di un debito di droga. Peraltro io temevo per la vita di Giuseppe Soriano e sostenevo di non mandarlo da Peppone Accorinti per il debito che questi aveva con lui, perché temevo che gli potesse succedere qualcosa e gli tirassero quattro-cinque botte”, cioè lo facessero fuori.  

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

G. B.
Giornalista
Giuseppe Baglivo è stato collaboratore del quotidiano Calabria Ora dal settembre 2006 ad agosto 2007. Redattore e responsabile della cronaca giudiziaria del quotidiano Calabria Ora per la redazione di Vibo Valentia dal settembre 2007 ad ottobre 2009. Nello stesso periodo per il quotidiano Calabria Ora ha realizzato molteplici inchieste riguardanti l’intero territorio regionale. Da agosto 2010 ad oggi è collaboratore della Gazzetta del Sud, redazione di Vibo Valentia, con competenza in tutti i settori (sport escluso). Dal gennaio 2013 è corrispondente unico dell’Agi (Agenzia giornalistica Italia) per Vibo Valentia e provincia. Dal novembre 2015 al 29 dicembre 2016 è stato redattore e responsabile della cronaca nera e giudiziaria del quotidiano online calabrese Zoom24.it, giornale web che ha contribuito a far nascere. Nel gennaio 2011 dalla Fondazione dedicata a Giuseppe, “Pippo”, Fava (il giornalista ucciso da Cosa Nostra il 5 gennaio 1984) ha ricevuto a Catania il Premio Nazionale “Giuseppe Fava” conferito ai giornalisti “particolarmente impegnati nella battaglia contro le mafie”. Specializzato in cronaca giudiziaria, nera e giornalismo d’inchiesta, ha seguito i più importanti processi contro la ‘ndrangheta, la corruzione nella pubblica amministrazione e la malasanità celebrati negli ultimi dieci anni in Calabria. Alcune sue inchieste giornalistiche hanno portato al commissariamento di diversi Comuni del Vibonese per infiltrazioni mafiose.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: