'Ndrangheta, arrestato anche chi voleva portare la statua della Madonna

Giuseppe Accorinti, presunto affiliato alle cosche, nell’agosto scorso, tentò di portare in processione l’effigie della Vergine durante i festeggiamenti a Zungri. Anche per lui, nell’ambito dell’operazione Errore fatale, sono scattate le manette

di Redazione
12 aprile 2019
09:23
86 condivisioni
Giuseppe Accorinti
Giuseppe Accorinti

C'é anche Giuseppe Accorinti, di 60 anni, il presunto affiliato alla 'ndrangheta che il 5 agosto dello scorso anno, a Zungri, tentò di infilarsi tra i portatori della statua della "Madonna della Neve", Santa patrona del centro del Vibonese, tra i quattro arrestati dell'operazione "Errore fatale" eseguita stamattina dalla Polizia a Vibo Valentia.

 

Accorinti, detto "Peppone", con precedenti per associazione mafiosa, estorsione, lesioni e violenza sessuale, é considerato dagli inquirenti l'uomo dei Mancuso a Zungri. All'epoca dell'episodio era sottoposto alla sorveglianza speciale. La sua presenza abusiva tra i portatori della "Madonna della Neve" fu segnalata da alcuni cittadini ai carabinieri, che sospesero la processione e bloccarono l'uomo, conducendolo in caserma. La processione, dopo l'allontanamento di Accorinti, riprese regolarmente.

 

LEGGI ANCHE: Guerra di sangue all’interno del clan Mancuso di Vibo Valentia, in manette quattro persone

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio