Giornata della memoria, il desiderio struggente di un bimbo: «Vorrei che mio nonno fosse vivo» (VIDEO)

«Se fosse ancora con me starei meglio». Così il nipote di Vincenzo Grasso, ucciso dalla ‘ndrangheta 29 anni fa davanti la sua concessionaria di auto ricorda il nonno che non ha mai conosciuto

di Alessio Bompasso
21 marzo 2018
17:35
Condividi

Suo nonno è stato ucciso 29 anni fa. Lui non era ancora nato, ovviamente. Non ha ricordi del suo congiunto ma le sue parole stritolano il cuore esattamente come quelle di chi ha vissuto dal vivo la morte di uno dei suoi cari. Suo nonno era Vincenzo Grasso, freddato da due killer il 20 marzo del 1989 davanti alla sua concessionaria di auto in via Marconi a Locri.

 

Un delitto che sconvolse tutta la Calabria. Vincenzo Grasso era un uomo che disse no alla ‘ndrangheta, alle richieste estorisive nonostante le minacce e le diverse intimidazioni subite. È tra le 970 vittime della magia che ogni anno, da 23 anni, il 21 marzo l’associazione Libera ricorda in tutte le piazze d’Italia. Nel corteo c’era anche questo bambino. Con il giubbino verde, i capelli biondi e gli occhiali. Al collo la fotografia di suo nonno. Nel cuore l’idea di una vita migliore se fosse ancora vivo. In bocca la rabbia dei suoi parenti che ancora aspettano giustizia.

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Alessio Bompasso
Giornalista
Alessio Bompasso è nato il 2 agosto del 1983 a Vibo Valentia. Da “grande” sognava di fare il giornalista ed entrare nelle case dei calabresi per raccontare le notizie giornaliere. Il sogno si è trasformato in realtà, approdando a Rete Kalabria (ora LaC) nel 2008. Il suo appeal da “normal person” lo rende tra i più apprezzati anchorman calabresi. Non ama prendersi troppo sul serio, ma quando si parla di sport si trasforma in una “macchina da guerra” (questo è il suo soprannome nell’ambiente). Sorriso smagliante e ritmo tambureggiante, le sue armi principali. Cocciuto e puntiglioso, i suoi difetti. Calcio e pallavolo, i suoi punti di forza ( ha  praticato entrambe le discipline ma non è mai stato un fenomeno, da li la scelta, più azzeccata, di raccontare lo sport attraverso le colonne di un quotidiano o le immagini della Tv). Ama le statistiche e nei suoi articoli non disdegna di inserirle qua e là. Dal 2013 è corrispondente sportivo, dalla provincia di Vibo Valentia, per la “Gazzetta del Sud”. Ha avuto il pregio e l’onore di ricevere parecchi riconoscimenti in giro per la Calabria, ma, il suo premio più importante lo ritira ogni giorno, entrando, in punta di piedi, nelle case dei calabresi. Come sognava di fare da “grande”. Mail: bompasso@lactv.it
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream