‘Ndrangheta nel Vibonese, chiusa azienda agricola della famiglia Mancuso

Trovate derrate alimentari in carenti condizioni igienico strutturali. L'amministratore unico è un figlio di Giuseppe Mancuso, detenuto al 41 bis

 

11 novembre 2019
15:57
58 condivisioni

Chiusa un’azienda agricola/zootecnica e passate al setaccio due attività commerciali. La saracinesca è stata abbassata ad un’azienda che fa capo alla famiglia di 'ndrangheta dei Mancuso a cui viene addebitata l’attivazione e la conduzione di deposito derrate alimentari, nonché carenze igienico sanitarie e mancanza di notifica della. Amministratore unico dell'azienda è un figlio di Giuseppe Mancuso detto "Peppe 'mbrogghia", 70 anni, detenuto in regime carcerario 41 bis, capo di una delle articolazioni 'ndranghetiste di Limbadi.

 

I Carabinieri del Nas, infatti, hanno riscontrato che all’interno della struttura in questione c’era un deposito di derrate alimentari in carenti condizioni igienico strutturali, nonché carenze documentali, visto che mancava la Scia/Dia sanitaria. Dunque è stata disposta la chiusura/sospensione dell’azienda; quanto oggetto di vincolo ammonta a circa 75mila euro. Per altre due attività commerciali controllate (nello specifico due generi alimentari), in una è stato accertato un lavoratore in nero e, pertanto, rilevate violazioni amministrative per circa 3mila e 600 euro.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio