Diciotti, perse le tracce di 50 migranti. Salvini: «Ma non li avevo sequestrati?

Il ministro dell'Interno sull’allontanamento dai centri accoglienza: «Non tutti scappano dalla guerra». La Caritas replica: «Non sono detenuti, liberi di andare dove vogliono»

di G. D.A.
6 settembre 2018
10:44
53 condivisioni
Nave Diciotti
Nave Diciotti

Il dato è in aggiornamento ma sarebbero circa 50 i migranti sbarcati dalla nave Diciotti allontanatisi dai centri accoglienza. A darne notizia, lo stesso Viminale nello specificare che  si tratta di maggiorenni: «6 di loro hanno fatto perdere le tracce il primo giorno di trasferimento (foto La stamapa), venerdì; 2 eritrei destinati alla diocesi di Firenze si sono dileguati il 2 settembre; per altri 19 è stato verificato l'allontanamento il 3 settembre; altri 13 infine si sono dileguati ieri. Erano destinati a varie diocesi». In questo gruppo «4 si sono allontanate quando erano ancora a Messina».

Verifiche in corso sugli irrintracciabili

Le 50 persone  avevano solamente manifestato «interesse per formalizzare la domanda d'asilo". Tutte erano state identificate con rilievi fotodattiloscopici e inserite in un sistema digitale europeo. Da segnalare che sono in corso altre verifiche sul numero esatto degli "irrintracciabili", ed è verosimile che il gruppo possa essere più consistente. Controlli anche sulla nazionalità di chi si è allontanato: almeno in 6 provengono dalle Isole Comore».

Salvini: «Ma come non li avevo sequestrati?»

A commentare la notizia, il ministro dell’Interno Matteo Salvini (in foto), indagato insieme al suo capo di gabinetto Matteo Piantedosi per sequestro di persona, sequestro di persona a scopo di coazione, arresto illegale, abuso d'ufficio e omissione d'atti d'ufficio: «Più di 50 degli immigrati sbarcati dalla Diciotti erano così 'bisognosi' di avere protezione, vitto e alloggio, che hanno deciso di allontanarsi e sparire! Ma come, non li avevo sequestrati? È l'ennesima conferma che non tutti quelli che arrivano in Italia sono 'scheletrini' che scappano dalla guerra e dalla fame. Lavorerò ancora di più per cambiare leggi sbagliate e azzerare gli arrivi».

La replica della Caritas: «Non sono detenuti, liberi di andare dove vogliono»

Sui migranti presi in carico dalle diocesi italiane, al Centro Mondo Migliore ne sono rimasti 35. 8 partiranno già questo pomeriggio per Torino. A Mondo Migliore sono già presenti i referenti Migrantes del capoluogo piemontese che li ospiteranno. Il quadro della situazione è illustrato dalla Caritas italiana, che in merito agli allontanamenti sostiene: «gli ospiti del Centro non sono detenuti e quindi sono liberi di andare dove vogliono». G.d’a.

 

Leggi anche: Caso Diciotti, in 50 pagine le accuse a Salvini che ribatte: «Nuovi capi d’imputazione? Medaglie»

G. D.A.
Giornalista

Ha conseguito la maturità classica presso il liceo classico “Michele Morelli” di Vibo Valentia. Nel 2013 ha acquisito la laurea in Scienze giuridiche, Facolt&ag...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio