Il miracolo della vita: si schiudono le prime uova di tartaruga in Calabria

Alcuni nidi, siti lungo il litorale reggino e catanzarese, sono stati predisposti alla fruizione pubblica. Lo spettacolo richiama curiosi da ogni angolo della regione

di Giusy D'Angelo
martedì 7 agosto 2018
12:03
1467 condivisioni

È iniziata da qualche giorno la schiusa delle uova, ed è festa lungo il litorale reggino. Dopo giorni d’attesa le piccole tartarughe hanno fatto capolino tra i granelli di sabbia, raggiungendo timidamente il mare per poi sparire, cullate dalle onde del mare. In Calabria anche quest’anno registrati numeri da record.

 

I nidi in Calabria

Sono circa 20 i nidi, alcuni predisposti alla fruizione pubblica: Brancaleone (località Galati); Condofuri (spiaggia antistante la stazione ferroviaria); Bova Marina (Nei pressi del lido Mare Chiaro); Palizzi (Nei  pressi del ristorante La Vela); Soverato (Spiaggia antistante il lido San Giovanni). Altri siti sono rimasti off-limits, lontani da occhi indiscreti. Il miracolo della vita si ripete, ciclicamente, lasciando i fortunati spettatori senza parole. Le tartarughe, maestose creature del mare, nelle scorse settimane avevano raggiunto le spiagge natie. Qui hanno realizzato il loro nido e lo hanno ricoperto con la sabbia, in attesa che il processo naturale facesse il suo corso.

Lo spettacolo della vita

Un iter documentato dall’associazione “Caretta Calabria” impegnata da anni su tutto il territorio calabrese con azioni di protezione e valorizzare delle risorse e ricchezze ambientali.  Nella pagina social vengono riportate le notizie inerenti le schiuse, le fasi in cui si trovano e l’andamento delle nottate cui assistono sia i volontari che tanti curiosi: « Le tartarughine  appena nate sono molto sensibili alla luce, per questo motivo – scrivono sui social - le guidiamo verso il mare con apposite lampade schermate ed è vietato usare flash, torce e qualsiasi fonte di luce viva (compresi gli schermi dei telefonini) in prossimità del nido. Potete seguire le tartarughine fin quando entrano in acqua – aggiungono - ma senza andare oltre il limite indicato dai nostri volontari: infatti può capitare che la risacca le spinga a riva col rischio di calpestarle perché non visibili al buio. Confidiamo nella vostra collaborazione per apprezzare appieno questo spettacolo della natura».

 

Giusy D'Angelo

 

Leggi anche: Stragi di tartarughe marine: il peggior nemico è l’uomo

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Giusy D'Angelo
Giornalista
♠Ha conseguito la maturità classica presso il liceo classico “Michele Morelli” di Vibo Valentia. Nel 2013 ha acquisito la laurea in Scienze giuridiche, Facoltà Giurisprudenza, Università Cattolica del Sacro cuore in Milano. Giornalista pubblicista, dall’aprile 2013 ad oggi collabora come corrispondente con la testata giornalistica "Il Quotidiano del Sud". Parte integrante della manifestazione culturale "Festival Leggere&Scrivere" del Sistema bibliotecario vibonese; ha curato nel 2015 e 2016 l'ufficio stampa. Sempre nel 2015, addetto stampa nella manifestazione “Dieta Mediterranea, percorsi di consapevolezza del riconoscimento Unesco”, eventi in collaborazione con il Museo archeologico nazionale "Capialbi" di Vibo Valentia. Nelle prime due edizioni del "Festival per l'economia", aprile 2015 e 2016 a Vibo Valentia, ha ricoperto la carica di ufficio stampa. Nella sezione fotografia, nel giugno 2015 e nel giugno 2016, è stata scelta tra i finalisti del Premio internazionale "Art Contest". Si è occupata della comunicazione di alcune associazioni di volontariato del Vibonese. Tra queste l'associazione di psicologi e psichiatri "MiPiAci". 

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: