Cinque nidi in pochi giorni, le tartarughe marine tornano in Calabria

Risalgono la spiaggia dove sono nate per deporre le uova. Il litorale ionico del Reggino è stato denominato “Costa delle tartarughe”

di Giusy D'Angelo
giovedì 21 giugno 2018
10:20
401 condivisioni
Un nido di tartaruga nel Reggino
Un nido di tartaruga nel Reggino

Ricompaiono sulla spiaggia dove sono nate. Bellissime, maestose. Sono tra le creature marine più affascinanti. Le tartarughe caretta caretta sono tornate anche quest'anno in Calabria. Fortemente minacciate dall'uomo e dall'inquinamento dei mari, alcuni esemplari hanno fatto tappa lungo la costa del Reggino e qui hanno nidificato. La spiaggia sabbiosa, i fondali puliti favoriscono il ritorno della specie lungo la Costa ionica della regione, riconosciuta a livello nazionale come area di nidificazione principale. Basti pensare che nel 2016 sono stati registrati ben 28 nidi e l’intera zona viene ormai riconosciuta come la “Costa delle tartarughe”.

Il primo nido della stagione, documentato dalla Caretta Calabria Conservation, è stato individuato a metà giugno sulla spiaggia di Galati, Brancaleone (Reggio Calabria). Dopo una lunga attesa, le regine dei mari sono ufficialmente tornate edificando cinque nidi in cinque giorni. Un ottimo risultato in questa prima fase di stagione. A curare l’intero processo che porterà alla schiusa delle uova, proprio l’associazione “Caretta Calabria” (foto dalla pagina social del sodalizio) impegnata dal 2012 su tutto il territorio calabrese, al fine di tutelare e valorizzare le risorse e gli ambienti naturali. Non tutti i nidi, tuttavia, vengono aperti alla fruizione pubblica: «La maggior parte - spiegano - si schiude in condizioni naturali sotto la nostra esclusiva sorveglianza. Alcuni invece, collocati su spiagge frequentate da turisti, vengono appositamente recintati».

 

Da tempo l’ente – con sede operativa a Palizzi - incentra le proprie attività sulla tutela delle specie di fauna e flora associate agli ambienti marino-costieri. Un progetto di rilievo – fatto di iniziative, lavoro costante, formazione, attività di sensibilizzazione - che apre una riflessione sull’importanza di tutelare la vita, nelle sue diverse forme, ed il benessere del pianeta. Aspetti che si riflettono, inevitabilmente, sulla salute dell’ambiente e quindi dell’uomo.

 

Giusy D'Angelo

 

LEGGI ANCHE: Spiaggiato rarissimo esemplare di tartaruga Liuto

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Giusy D'Angelo
Giornalista
♠Ha conseguito la maturità classica presso il liceo classico “Michele Morelli” di Vibo Valentia. Nel 2013 ha acquisito la laurea in Scienze giuridiche, Facoltà Giurisprudenza, Università Cattolica del Sacro cuore in Milano. Giornalista pubblicista, dall’aprile 2013 ad oggi collabora come corrispondente con la testata giornalistica "Il Quotidiano del Sud". Parte integrante della manifestazione culturale "Festival Leggere&Scrivere" del Sistema bibliotecario vibonese; ha curato nel 2015 e 2016 l'ufficio stampa. Sempre nel 2015, addetto stampa nella manifestazione “Dieta Mediterranea, percorsi di consapevolezza del riconoscimento Unesco”, eventi in collaborazione con il Museo archeologico nazionale "Capialbi" di Vibo Valentia. Nelle prime due edizioni del "Festival per l'economia", aprile 2015 e 2016 a Vibo Valentia, ha ricoperto la carica di ufficio stampa. Nella sezione fotografia, nel giugno 2015 e nel giugno 2016, è stata scelta tra i finalisti del Premio internazionale "Art Contest". Si è occupata della comunicazione di alcune associazioni di volontariato del Vibonese. Tra queste l'associazione di psicologi e psichiatri "MiPiAci". 

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: