Mammamiabella, la commedia di Elena Sofia Ricci conquista il Cilea

Successo in riva allo Stretto per la performance, inserita nel cartellone dell'Officina dell'Arte. L'appuntamento ha registrato grande consenso tra gli spettatori affrontando il tema delicato della nascita di un figlio 

di Redazione
24 novembre 2019
17:39
14 condivisioni

Una straordinaria commedia musicale che parla di emozioni, pannolini, rinunce e tante aspettative di neo genitori. “Mammamiabella”, commedia di Elena Sofia Ricci andata in scena ieri sera al teatro “Cilea”,  (foto Gianni Siclari) secondo appuntamento della rinomata kermesse dell’Officina dell’Arte, strega il pubblico reggino entusiasta del coraggio di strepitosi attori, Federico Perrotta, Valentina Olla e Sabrina Pellegrino, autrice anche del testo, di parlare con ironia, un pizzico di dissacrazione e tanto amore, su tutto ciò che gravita attorno all’arrivo di una nuova vita. Una storia normale e vera, comune a tantissime altre e proprio per questo il pubblico si identifica in quei personaggi emozionandosi pure. Un atto unico dove spicca la bravura di tre “cavalli” di razza sul palco alle prese con i consigli di suoceri, parenti, ginecologi un po’ strambi e di uno straordinario amico gay.

 

A scandire i passaggi salienti della storia, le musiche del maestro Stefano Mainetti  magistralmente eseguite dal vivo dagli strumentisti Peppe Russo, Alex Bascelli e Alessio Renzopaoli, che diventano incalzanti quando il futuro padre elenca disperato a quante partite di calcetto e uscite con gli amici dovrà rinunciare, si trasformano in un tango quando lui e lei si fronteggiano nel vano tentativo di essere genitore perfetto o creano una suggestiva ninna nanna quando i pensieri viaggiano veloci in assoluto equilibrio tra ansia e felicità. Un grande ciuccio si impone sulla scena e tra oggetti che serviranno al bimbo ed entrate ed uscite di personaggi “sò tutto io” interpretati dall’istrionico Perrotta e dalla agguerrita Pellegrino, si snodano situazioni esilaranti come l’aumento di peso della futura mamma di 40 chili o il conferimento dell’assegno di maternità all’Inps.  Un progetto coraggioso quello voluto e costruito da Federico Perrotta e Valentina Olla, coppia sulla scena e nella quotidianità, che tratta la gravidanza con profondo rispetto e con quel pizzico di leggerezza colta nel duetto finale dei due genitori che avranno pure cambiato il loro modo di vivere consapevoli delle rinunce e dei sacrifici che saranno obbligati a fare, ma da ora in poi, le loro esistente saranno mutate per qualcosa di molto più grande e prezioso: un figlio. Nessuna donna nasce mamma, giorno dopo giorno lo si diventa un po' di più tra amore, coccole e risate, tra errori e pentimenti, tra paure ed ipocondrie.

 

Lo sanno bene i tre protagonisti, genitori nella vita reale, pronti ad affrontare il mondo intero con una mano se nell’altra però, si stringe quella del proprio figlio. Federico con estrema energia fisica e mentale ha interpretato 12 personaggi in un’ora e 45 di partitura (dal marito al suocero pigro e annoiato, all’amico gay alla nonna) e ad accompagnarlo in questa “maratona” teatrale la bravissima Sabrina Pellegrino che, con altrettanto talento, ha vestito i panni della mamma di lei e delle varie tipologie di ginecologi. Il pubblico si diverte, segue i protagonisti e si lascia andare in scroscianti applausi perché lo spettacolo è divertente, movimentato, energico ma è soprattutto, tenero ed emozionate. Promosso a pieni voti il cast e la prima regia di Elena Sofia Ricci che ha rimarcato una grande verità: il gioiello più prezioso non si mette al dito, ma si porta in grembo per nove mesi.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio