Sanità, decreto assunzioni, Urbani: “Pronto a lasciare”

Il subcommissario in una lettera si sfoga e racconta il perché non ha firmato il decreto sulle assunzioni

di Tiziana Bagnato
martedì 13 giugno 2017
12:14
Condividi
Sanità, Andrea Urbani
Sanità, Andrea Urbani

Sempre più sfilacciato si avvia ormai alle conclusioni il rapporto tra il sub commissario Andrea Urbani e il commissario ad acta Massimo Scura. In una lunga missiva Urbani si sfoga, racconta, spiega ma due, in particolare, sono le novità che emergono.

 

Da un lato il fatto che Urbani, che è tra l’altro anche Direttore Generale della Programmazione sanitaria del ministero, è pronto a lasciare la presa, provato da un rapporto ormai asfittico con Scura. Dall’altro le motivazioni per le quali non si è piegato a firmare il decreto della discordia.

Quel provvedimento, il numero 50, visto come una manna dal cielo perché avrebbe dovuto portare alle assunzioni in sanità per il 2017. Ma se il settore brama nuove leve al suo interno e la stabilizzazione dei precari, il decreto, secondo Urbani, “non risponde ai parametri stabiliti dalla normativa nazionale come peraltro rilevato in più occasioni dai Ministeri vigilanti sull'attuazione del Piano di rientro dai disavanzi sanitari della Regione”.

 

Il sub commissario parla poi di tentativi di collaborazione con Scura al fine di rivedere il provvedimento andati a vuoto, fino all’elaborazione di una propria proposta che contempla l’assunzione di 1104 figure e il rispetto delle norme ministeriali. Fermo restando, sottolinea Urbani, che lo strappo con la struttura commissariale è ormai irricucibile.

 

Tiziana Bagnato

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Tiziana Bagnato
Giornalista
Lametina, laureata in Scienze della Comunicazione con indirizzo Giornalismo alla Lumsa di Roma, Tiziana Bagnato ha sempre affiancato la carta stampata all’ambito televisivo. Dopo aver lavorato nell’emittente regionale Calabria Tv e per diversi anni per il quotidiano Calabria Ora, poi L’Ora della Calabria, è approdata nell’emittente St Television e sul quotidiano Il Garantista di cui è ancora firma. 
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream