Sospeso il trasferimento del polo chirurgico da Paola a Cetraro

Il generale Cotticelli da una settimana risulta assente per motivi personali, pertanto la decisione è rinviata a lunedì

di Francesca  Lagatta
31 agosto 2019
12:46
74 condivisioni
A sinistra l’ospedale di Paola, a destra quello di Cetraro
A sinistra l’ospedale di Paola, a destra quello di Cetraro

Sul Tirreno cosentino il caos regna sovrano, la sanità continua ad essere una patata bollente e le speculazioni sono all'ordine del giorno. L'ultima, in ordine di tempo, riguarda le notizie sul polo chirurgico della costa, "conteso" dai due ospedali e al centro di un confuso gioco di potere. Due giorni fa il direttore sanitario dello spoke Cetraro-Paola, nosocomi fotocopia distanti 25 chilometri uno dall'altro, aveva disposto il trasferimento del polo chirurgico dal Paola a Cetraro, perché al San Francesco non c'è il reparto di Rianimazione (rimasto invece al presidio Iannelli nonostante l'inutilizzo delle sale operatorie), e questo creerebbe rischi e pericoli per la salute dei pazienti. Graziano Di Natale, consigliere provinciale paolano, si era opposto alla decisione di Vincenzo Cesareo annunciando l'invio di un esposto alla procura della Repubblica. Nel pomeriggio di ieri l'annuncio: «A seguito della nostra protesta il Generale Cotticelli, Commissario per il piano di rientro, ha sospeso il provvedimento con cui il direttore sanitario aveva disposto il trasferimento delle emergenze urgenze chirurgiche dalla struttura ospedaliera di Paola a quella di Cetraro. La salute dei nostri cittadini prima di tutto». Ma le cose stanno davvero così?

La sospensione

Di vero c'è che il provvedimento, che avrebbe dovuto essere attuato a partire da domani, risulta momentaneamente sospeso. Ma, almeno per il momento, la presunta illegittimità o l'inadeguatezza, c'entra poco o nulla. Il commissario Cotticelli ha sospeso ogni decisione fino al lunedì prossimo, data in cui il commissario ad acta farà rientro. Il generale dei carabinieri in prestito alla sanità, infatti, da una settimana risulta assente per motivi personali. Per lo stesso, identico motivo, tre giorni fa è saltata la decisione in merito al punto nascita dell'ospedale di Cetraro, anch'esso momentaneamente sospeso in attesa che si risolvano le criticità riscontrate durante le ispezioni effettuate in seguito alla morte di Santino Adamo, la 36enne stroncata da un'emorragia dopo il parto.

«L'ospedale di Paola chiuderà»

Non solo, quindi, Cotticelli potrebbe decidere di autorizzare il trasferimento del polo chirurgico, potrebbe anche decidere di rivedere l'organizzazione sanitaria dell'intero comprensorio. Da settimane non si parla d'altro negli ambienti. Sul tavolo dell'ufficio di Cotticelli, infatti, campeggia un documento, che descrive nel dettaglio la situazione. «O si cambia o si chiude», è scritto in sintesi nelle carte che riassumono tutte le criticità riscontrate negli ultimi due anni e che sono state risolte solo in parte, in minima parte.

Le gravi criticità

Tre le oltre 200 contestazioni registrate e documentate dalla procura della Repubblica di Paola, ce ne sono almeno due che potrebbero decretare la chiusura del nosocomio: rischio dissesto idrogeologico R4 e mancata agibilità.

«Lo stabilimento di Paola, come noto - è scritto nel documento finito nelle mani di Cotticelli - sussiste su una faglia sismica tanto da essere indicato dalla relazione Barbieri (Franco Barbieri, ex capo della protezione civile nazionale, anno 1999), come l'ospedale pubblico calabrese a più alto rischio sismico. A ciò aggiungasi che essendo stato costruito su di un cimitero interrato, è afflitto da una frana profonda e geologicamente pericolosissima tanto da essere individuata quale zona a rischio R4 (il più alto, ndr) ed in contino movimento».

Ed ancora: «La struttura è obsoleta e sprovvista della prescritta agibilità. Le sale operatorie, che sono solo due (una deve essere riservata h24 per le urgenze ed una riservata alla chirurgia d'elezione) sono state spesso attenzionate dal gruppo dei carabinieri dei Nas che hanno notificato all'Asp delle prescrizioni che non sono mai state ottemperate». Ed infine: «L'area chirurgica non può essere allocata nella struttura perché esiste un solo ascensore porta lettiga obsoleto che spesso si guasta per cui i pazienti devono essere portati a spalla».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream