Ospedale di Vibo, chiuso un altro reparto ma per scoprirlo ci siamo fatti “arrestare”

VIDEO | Un infermiere ha bloccato la troupe del nostro network fino all'arrivo della polizia. I pazienti con fratture saranno dirottati a Lamezia senza neppure passare per il Pronto soccorso. Il direttore generale conferma: «Mancano i medici, interruzione del servizio inevitabile»

di Cristina Iannuzzi
mercoledì 15 maggio 2019
18:08
777 condivisioni
Il reparto senza pazienti
Il reparto senza pazienti

Un reparto che chiude nel silenzio assordante della politica. A confermare l'interruzione, pur temporanea, del servizio di ortopedia, è lo stesso direttore generale Elisabetta Tripodi. I pazienti con fratture saranno dirottati a Lamezia Terme senza neppure passare dal Pronto soccorso di Vibo.

Il blitz con la telecamera nel reparto fantasma

La chiusura dell’unità ortopedica dello Jazzolino è avvenuta in sordina, così come in passato è stato per Oculistica, Otorinolaringoiatria, Nefrologia.
Entriamo nel reparto, la porta è aperta. Nessuno ci impedisce di entrare e riprendere la desolazione. C'è un infermiere che guarda la tv e un'altra operatrice sanitaria che spedita attraversa il corridoio. Le stanze sono vuote. Qui è da giorni che non si vede un paziente. L’ultimo è stato dimesso lunedì. Tentiamo di entrare nelle altre stanze ma uno zelante infermiere, lo stesso della tv, ci blocca.
Non siamo autorizzati, è vero, e così decide di chiamare le forze dell'ordine, ci intima di consegnargli la telecamera e ci impedisce di muoverci da lì. Arrivano i poliziotti e la situazione, dopo poco, rientra nella normalità. Bloccati dall'operatore sanitario e liberati dalla polizia.

La conferma della dirigente

La notizia della chiusura del reparto non era ancora ufficiale. Almeno fino a quando la presenza della nostra troupe non ha alzato il sipario creando subbuglio. Veniamo contattati dal neo direttore generale dell’azienda sanitaria, Elisabetta Tripodi, che raggiungiamo nella sede di via Dante Alighieri.
«Il reparto è stato chiuso per carenza di medici», conferma. Ci tranquillizza dicendo che è solo un’interruzione momentanea, giusto il tempo di reperire un primario. Un ortopedico che accetti di lavorare in quello che a tutti gli effetti è un ospedale di frontiera. Nessun vuol lavorare a Vibo. Questa è l’amara realtà. Ci rendiamo subito conto che, nonostante il reparto sia chiuso, il personale è regolarmente in servizio: undici infermieri, tre operatori socio-sanitari e quattro dottori. È vero che assicurano l’ambulatorio, ma è altrettanto vero che due infermieri coprono il turno di notte per assistere pazienti inesistenti. «Saranno dislocati nei reparti in affanno, come la ginecologia, o saranno mandati in ferie», afferma la dirigente.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Cristina Iannuzzi
Giornalista
Cristina Iannuzzi è nata a Castrovillari (Cs) il 05/10/1977.Vive a Vibo Valentia dal 1992. E' cresciuta  a pane e televisione. La sua attività inizia sin dagli anni giovanili a Rete Kalabria, prima come speaker, poi come conduttrice e successivamente come giornalista di cronaca e d'inchiesta.  Tra le sue trasmissioni di maggior successo figurano i reportage dalle zone alluvionate delle Marinate di Vibo Marina, dove è stata tra le prime ad arrivare e a lanciare le prime immagini e i  servizi sulla rivolta  degli extra comunitari di Rosarno. Negli anni he anche collaborato alla "Gazzetta del Sud" e ad alcuni  periodici locali. Le principali regole del suo lavoro quotidiano sul fronte dell'informazione sono  la ricerca delle verità e della notizia.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: