Casabona, aumentano i casi di tumore nell'area delle miniere di zolfo: interviene la senatrice Corrado

L'esponente pentastellata ha scritto una missiva al sindaco del comune del Crotonese, all'Asp e alla Procura della Repubblica, chiedendo di far luce sul caso: «Accertare la radioattività e presenza di cancerogei»

di Giuseppe Laratta
lunedì 23 luglio 2018
18:56
5 condivisioni

«Ho deciso di scrivere una nota – scrive in un comunicato la senatrice del Movimento 5 Stelle Margherita Corrado – per chiedere la verifica dell’allarme sanitario segnalato dai residenti di Casabona. L’intenzione è dare seguito alle insistenti segnalazioni di cittadini, amplificate anche dalla stampa regionale, in merito alla presunta correlazione tra l’accresciuta incidenza di patologie tumorali tra i residenti (percepita se non dimostrata), e il supposto accantonamento di cancerogeni non meglio identificati nelle miniere di zolfo dismesse quarant’anni fa e con accesso sigillato in località Calafoniti».

 

La miniera di Calafoniti, nel crotonese, secondo quanto riporta l'esponente pentastallata, fu dismessa negli anni compresi tra il 1975 e il 1978, quando, a causa della concorrenza internazionale si decise di non estrarre più zolfo in Italia. Nei mesi scorsi, poi, i cittadini si sono organizzati e, con una petizione rivolta alle autorità competenti, hanno chiesto che venisse verificato il contenuto delle miniere stesse visto il costante aumento di tumori e carcinomi perché il sospetto è che possano essere state utilizzate per interrare materiale inquinante. La missiva è stata inviata al sindaco di Casabona, all’Asp di Crotone, all’Arpacal di Crotone e Catanzaro, e per conoscenza, alla Procura della Repubblica di Crotone e al Nucleo operativo ecologico dei Carabinieri di Catanzaro.

«A ciascuno dei soggetti a cui ho segnalato la vicenda – conclude la senatrice pentastellata – nei limiti delle rispettive responsabilità, ho chiesto di attivarsi per avviare verifiche ad hoc sia sul fronte delle indagini epidemiologiche sia, più urgente, su quello dell’accertamento del livello di radioattività e della presenza eventuale di cancerogeni in grado di contaminare le matrici ambientali nelle adiacenze dell’ingresso della vecchia zolfara e, in caso di positività, anche all’interno».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: