Bimbo mai nato a Vibo, anche la Regione invia gli ispettori

Dopo il Ministero e l’Asp anche il Dipartimento della salute ha predisposto una squadra per fare luce sulla vicenda

di Redazione
11 ottobre 2019
13:10
152 condivisioni
L’ingresso dell’ospedale Jazzolino
L’ingresso dell’ospedale Jazzolino

Il Dipartimento regionale Tutela della Salute ha disposto l'invio del "team risk management" all'ospedale di Vibo Valentia, dove ieri si è verificato il decesso del feto in grembo a una donna di 32 anni. Lo apprende l'Agi da fonti della Regione.

 

L’invio della “task force” di ispettori è stato disposto già nella serata di ieri con provvedimento adottato dal dirigente generale del Dipartimento regionale Tutela della Salute, Antonio Belcastro: il team, composto da quattro professionisti, effettuerà verifiche e attività di audit degli operatori sanitari che, a vario titolo, hanno avuto un ruolo nella vicenda della donna che ha perso la bimba che portava in grembo dopo essere stata rimandata a casa dai medici per mancanza di anestesisti per un parto cesareo.

 

Sempre ieri anche il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha disposto l’invio di un’ispezione all’ospedale di Vibo Valentia, mentre l’Asp ha avviato a sua volta un’indagine interna per accertare eventuali responsabilità.

 

LEGGI ANCHE:

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio