Catanzaro, Asp e Avis insieme per prevenire il tumore del colon retto

VIDEO | Parte da Montepaone e Montauro il progetto dell'Azienda sanitaria in sinergia con l'Associazione donatori provinciale che offrirà screening gratuiti per uomini e donne da 50 a 69 anni

di Rossella  Galati
giovedì 6 settembre 2018
19:05
57 condivisioni

L'Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro e l'Avis Provinciale di Catanzaro già da tempo hanno unito le forze per promuovere la cultura della prevenzione. In particolare si riparte ora con la campagna dedicata alla prevenzione del tumore del colon retto rivolta ai cittadini dei comuni di Montepaone e Montauro, di età compresa tra i 50 e i 69 anni, che grazie al supporto della locale sezione Avis, riceveranno una comunicazione per ritirare gratuitamente un kit per il test del sangue occulto nelle feci per individuare eventuali tumori o polipi ed intervenire quindi precocemente.

L'invito alla prevenzione

«La regione Calabria invita tutta la popolazione di età compresa tra i 50 e i 69 anni di età, uomini e donne, ad effettuare la ricerca del sangue occulto delle feci - spiga Annalisa Spinelli, responsabile del centro screening oncologici dell'Asp di Catanzaro - che è lo screening per il tumore del colon retto, che rappresenta oggi la seconda causa di morte che si può prevenire attraverso un esame semplice, che può essere fatto a casa, con il prezioso supporto dell'Avis». I cittadini riceveranno dunque a casa una comunicazione scritta e saranno invitati a ritirare gratuitamente, presso la sede dell'associazione dei donatori di sangue di Montepaone, il kit che servirà loro per raccogliere un campione di feci che, una volta riconsegnato all'Avis, sarà poi trasmesso al centro screening. «Tutti gli eventuali esami di approfondimento che serviranno ad accertare o meno la presenza di un problema - aggiunge Annalisa Spinelli - saranno gratuiti, a completo carico dell'Asp».

Sinergia tra Avis, Asp, Comuni e medici di base

A dare il via al progetto, insieme ai responsabili del centro screening, nel corso di un incontro operativo a Montepaone, sono stati il presidente e il vicepresidente Avis Provinciale Franco Parrottino e Salvatore Iannelli, il responsabile Sanitario Unità di Raccolta Avis Provinciale Catanzaro Michelangelo Iannone, il sindaco di Montepaone Mario Migliarese, la consigliera comunale di Montauro con delega ai servizi sociali Mariangela Carito, i medici di base Silvana Romano, Michele Malta, Guseppe Oliva, la presidente della locale sezione Avis Vittoria Carito e alcuni membri del direttivo. «Ormai è da qualche anno che collaboriamo con il centro screening dell'Asp di Catanzaro - ha aggiunto Franco Parrottino - il nostro obiettivo è arrivare più velocemente possibile alla popolazione e avendo tante sezioni su tutti i comuni della provincia per noi è più semplice consegnare le lettere di invito e sensibilizzare la popolazione, coinvolgendo sindaci e medici di base. Mettiamo la nostra struttura a servizio della sanità pubblica».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: