OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.

Pd | La lenta marcia verso la rovina del centrosinistra calabrese

Fuga dal centrosinistra e dal Pd. Dopo Vincenzo Pasqua, lascia anche Arturo Bova. Oliverio e Magorno continuano a far finta di niente

di Riccardo Tripepi
mercoledì 1 novembre 2017
12:41
178 condivisioni

Il centrosinistra in Consiglio regionale rinvia nomine, proroga le liquidazioni, non procede alle sostituzioni in giunta, si concentra sugli Uffici stampa e aspetta di andare in rovina.

Non sono bastati neanche gli ultimi e catastrofici risultati elettorali con le sconfitte traumatiche di Cosenza, Catanzaro, Crotone, Lamezia e Vibo a dettare l’avvio di un confronto interno. Il Pd non sente ragioni e continua lungo la sua strada in maniera ostinata. Senza ascoltare nessuno dei campanelli d’allarme, o meglio delle sirene, che continuano a suonare senza soste. Anche negli ultimi mesi.

Consiglio paralizzato per lunghi mesi

Il Consiglio regionale, balzato agli onori delle cronache nazionali per la sua scarsa produttività, è rimasto paralizzato per tutta l’estate per arrivare al rinnovo dell’Ufficio di presidenza e delle Commissioni. Ma la cosa bella è che neanche adesso è stato completato il percorso. La Commissione “Riforme”, voluta e ripristinata dal centrosinistra dopo la sua eliminazione nella passata legislatura, è ancora senza Ufficio di presidenza. La lotta tra il presidente uscente Baldo Esposito (Alternativa Popolare) e Francesco D’Agostino (Oliverio presidente) non ha ancora avuto un vincitore. E naturalmente non sono certo le riforme, di cui pure la Calabria avrebbe un gran bisogno, ad essere oggetto della dialettica tra i partiti. Il Pd aspetta i risultati delle elezioni siciliani per capire quanto e come sarà intensa l’alleanza con i Gentile in vista delle politiche. Solo allora si scioglieranno molti nodi, compreso quello legato al rinnovo della Commissione “Riforme”.

La dimissioni della Barbalace risalgono ormai a luglio

Meglio non discutere poi della giunta regionale. Gli aggiustamenti annunciati da Oliverio stanno per compiere ormai un anno. Senza che nessuno degli assessori sia stato sostituito e senza che sia stata assegnata una delle tante deleghe che il governatore più accentratore della storia del regionalismo calabrese sia stata assegnata. A cominciare da quella al Turismo. Non solo. Dai primi annunci ad oggi si è dimessa, o meglio è stata dimessa, l’assessore alle Attività Produttive Carmela Barbalace indagata in un’inchiesta che riguarda fatti antecedenti alla sua nomina da assessore. Le dimissioni sono dello scorso 9 luglio. Dopo quattro mesi il suo scranno rimane vacante.

Le contraddizioni della gestione Oliverio e del suo rapporto pessimo con il Consiglio regionale, relegato al ruolo di passacarte e svilito della sua dignità, stanno emergendo in maniera violenta anche dentro la maggioranza di centrosinistra.

Prima di Bova, Pasqua ha aderito al Misto

Vincenzo Pasqua, della lista “Oliverio presidente”, le ha sollevate già da qualche tempo e senza trovare alcun riscontro. Tanto che, proprio in occasione dell’ultima riunione del Consiglio regionale, ha annunciato l’abbandono della maggioranza e il suo trasferimento al Gruppo Misto.

Dopo di lui arriva Arturo Bova che ha scelto la Gazzetta del Sud per annunciare la sua adesione ad Articolo 1 – Mdp .

«Il Pd - dice Bova – è diventato ormai un non luogo politico. L'assenza di democrazia che c’è nel movimento 5 Stelle è niente in confronto a quello che accade nel Pd, dove le decisioni prese a Roma sono diktat contro cui nessuno ha mai da ridire dalla periferia. Vedere tutti piegati al volere divino è disarmante. Non ce l'ho fatta più». Anche Bova, tuttavia, prima dell’annuncio ha aspettato di vedere rinnovata la sua elezione alla guida della Commissione antindrangheta.

Non manca nessun ingrediente, dunque, per assicurarsi l’ennesima batosta elettorale alle politiche del 2018, preambolo dell’ennesimo cambio della guardia al governo regionale.

Riccardo Tripepi

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: