Regionali, Sapia (M5s): «Mai con Oliverio». E il presidente fa spallucce

VIDEO Il deputato pentastellato, pur aprendo a possibili correttivi per il Decreto Calabria, chiude definitivamente la porta in faccia alle velleità di ricandidatura del presidente. Che gli risponde: «Sono solo sue personalissime opinioni»

di Marco  Lefosse
7 settembre 2019
13:32
280 condivisioni

«Sul decreto Calabria possiamo anche ragionare per apportare dei correttivi, ma di dialogo politico con il presidente Oliverio non se ne parla. La sua esperienza è stata fallimentare sotto ogni punto di vista». Anche il deputato dei Cinquestelle Francesco Sapia, grillino della prima, tra quelli che forse ha dovuto digerire più di qualche boccone amaro per farsi andare bene il nuovo governo giallorosso, chiude definitivamente la porta in faccia alle velleità di ricandidatura del governatore della Calabria.

Non è una novità, sia chiaro, perché proprio il parlamentare della Sibaritide è stata sempre una delle voci più critiche e dure nei confronti del presidente della Regione. Soprattutto in quelle che, almeno fino ad un anno fa, sono state le scelte adottate dal governo calabrese in merito alle questioni sanitarie.

Alleanza “indigesta” ma possibile anche in Calabria

Oggi, però, le sue parole sono ancora più nette e roboanti, perché nonostante l’indigesta nuova alleanza nazionale, sulla questione Calabria non si passa. O meglio, probabilmente un’alleanza, anche per le prossime regionali, si farà ma le regole di ingaggio prevedono un “escludendum” che è proprio il nome di Oliverio e di quanti, ovviamente, sposano le sue idee.

«Il Pd si svincoli definitivamente da lui»

E a proposito, non è nemmeno un caso l’appello che lancia Sapia ai sindaci calabresi (quelli di centro sinistra, ovviamente, e quelli che per una ragione o per un'altra sono simpatizzanti del presidente) affinché non si lascino ammaliare dalle sirene oliveriane. «Voglio credere – ha detto ai nostri microfoni – che nessuno dei sindaci, soprattutto quelli della Sibaritide (dove si sono registrati gli effetti più nefasti delle politiche sanitarie), voglia farsi ingannare dalle sirene del presidente Oliverio e dalla sua bramosia di potere, sostenendo una sua candidatura». E poi aggiunge, spietato: «Il tempo politico di Oliverio è terminato».
Poi la stoccata al Partito democratico: «Ci aspettiamo che anche il Pd sia chiaro in questo senso e che si svincoli definitivamente da questa esperienza regionale che è stata in tutti i sensi fallimentare».
Questo è quello che diceva, ieri, il deputato Sapia ai margini della visita del commissario straordinario della sanità in Calabria, Saverio Cotticelli, a Corigliano-Rossano. Dove, in un’altra sede, si svolgeva – quasi contemporaneamente – l’evento di presentazione del nuovo Frecciargento Sibari-Roma-Bolzano, presieduto proprio da Oliverio. E vicino a lui, manco a dirlo, c’era la senatrice pentastellata, Silvana Abate, che per quel treno ha fatto “fuoco e fiamme”.

Oliverio non sembra preoccupato

Un contesto in cui i toni sono stati pacati e anche molto concilianti. Sarà stato questo, forse, a ringalluzzire il governatore che quasi nell’immediato ha risposto e anche in modo fermo alla chiusura netta di Sapia. «È solo una sua opinione – ha detto Oliverioche rispetto ma che rimane solo una sua personalissima opinione». Poi il presidente ritorna nuovamente all’attacco, sempre e soltanto sui temi della sanità. «Credo che in modo prioritario – ha detto – il nuovo Governo debba mettere subito mani al decreto salva Calabria che a mio avviso può essere ribattezzato “decreto distruggi Calabria”. La sanità è in ginocchio e questo sicuramente non è colpa mia né dell’amministrazione regionale».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Marco  Lefosse
Giornalista
Sono Marco Lefosse, classe 1982. Giornalista pubblicista dal 2011 e Idealista nel DNA. Appena diciottenne scrivo alcuni brevi contributi sulla nuova esperienza della giovane destra calabrese per Linea, il giornale di Fiamma Tricolore diretto da Pino Rauti, e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizio a muovere i passi nei quotidiani regionali. Il mio primo “contrattino” da collaboratore lo firmo con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 lascio il Quotidiano e accolgo con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia Cosentina di  Genevieve Makaping ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 arriva il primo vero contratto giornalistico con Calabria Ora. Un’esperienza bellissima che ha forgiato e ben temperato la mia penna. Con onore ho lavorato, ininterrottamente fino al fallimento di questo splendido progetto editoriale nel 2014, per raccontare sempre e a tutti i costi le verità della mia città e del territorio. Parallelamente all’esperienza di Calabria Ora, nel 2011, il neo Sindaco di Rossano, Giuseppe Antoniotti, mi vuole come consulente nello staff dei collaboratori di fiducia. Nel luglio  del 2013, insieme alla collega Giusj De Luca (oggi anche mia splendida compagna di vita), fondo la CMP Agency, una giovane realtà di consulenza per la comunicazione ed il marketing. E nel gennaio 2014 proprio alla CMP è affidato il servizio di Ufficio stampa e Comunicazione istituzionale del Comune di Rossano. Ad Ottobre dello stesso anno, come consulente, seguo la campagna elettorale regionale del candidato Giuseppe Graziano. Dal 2014, chiusa la lunga parentesi dell’informazione con Calabria Ora, insieme alla nuova realtà di CMP Agency mi occupo esclusivamente di comunicazione istituzionale/commerciale e di marketing. Da Aprile 2018 fa parte della meravigliosa famiglia di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese e della neonata Corigliano-Rossano terza città della Calabria.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream