Regionali, l'affondo di Nicolò: «Fdi ha il suo nome ma serve un candidato condiviso»

VIDEO | Il consigliere regionale rimanda ogni decisione a dopo le elezioni europee. Sia per la scelta del candidato sindaco di Reggio che per quella del candidato governatore. Nel frattempo si gode i nuovi ingressi in riva allo Stretto 

di Riccardo Tripepi
venerdì 12 aprile 2019
19:16
10 condivisioni
Alessandro Nicolò
Alessandro Nicolò

E’ tempo di campagna acquisti per Fratelli d’Italia che a Reggio Calabria vede crescere i suoi numeri in maniera considerevole. Un processo iniziato da lungo tempo e che è stato ulteriormente rafforzato dal lavoro del consigliere Alessandro Nicolò dopo la sua nomina a commissario provinciale. Dopo il recente passaggio a Fdi del già assessore comunale Franco Germanò che lascia il Movimento dei sovranisti ormai pronto a spappolarsi, e del già presidente della I circoscrizione Giuseppe Altobruno, anche l’ex presidente della XII circoscrizione Giuseppe Caridi ha aderito al partito di Giorgia Meloni.

«L’arrivo di personalità di lunga esperienza politica e che hanno ricoperto importanti cariche istituzionali è un segnale importante – dice Alessandro Nicolò – che dimostra la qualità del percorso politico avviato da Fdi sul territorio. Un percorso che guarda alla tutela dei diritti delle fasce più deboli della popolazione e punta a recuperare il primato della politica. Serve la credibilità degli uomini se vogliamo arginare il fenomeno dell’antipolitica».

 

Il lavoro di Fdi in riva allo Stretto è ovviamente volto anche alla prossima campagna elettorale che rinnoverà l’Amministrazione comunale. «Il fallimento del centrosinistra è sotto gli occhi di tutti – ha spiegato Nicolò – non soltanto al Comune, ma anche alla Città Metropolitana che è rimasta una scatola vuota anche per colpa del governatore Mario Oliverio che non ha conferito le deleghe regionali. Una inadempienza molto grave che chiama in causa anche la corposa delegazione reggina della maggioranza che ha sottovalutato questo aspetto».

Non mancano poi le idee per rilanciare l’azione politica e amalgamare al meglio i governi di Comune e Metrocity. «L’idea del consigliere delegato per circoscrizione, magari da riprogrammare nel numero di sette, potrebbe consentire un maggiore rapporto con i territori. Ma si potrebbe immaginare una razionalizzazione che parta dall’eliminazione dei doppioni: la doppia avvocatura, il doppio direttore generale, la doppia polizia. Si risparmierebbe e si otterrebbero migliori risultati».

Ed è per questo che Fdi vuole partecipare in maniera costruttiva al tavolo del centrodestra per l’indicazione del candidato sindaco. «Al tavolo che adesso è sospeso per le elezioni europee abbiamo offerto la nostra disponibilità a offrire un contributo per la candidatura a sindaco n un contesto in cui siamo sicuri che si aprirà un confronto per arrivare a una decisione collegiale».

Per i nomi è presto, ma in città si parla di Massimo Ripepi e dello stesso Nicolò. «Non parliamo di nomi. Parlo per conto del partito e non a tiolo personale. Voglio solo dire che oggi il partito ha le potenzialità per esprimere il candidato».

Analogamente avverrà per le prossime regionali. Le decisioni avverranno dopo le europee, con buona pace di Forza Italia impegnata a organizzare convention pro Occhiuto. All’iniziativa di Lamezia non parteciperanno né la Lega, né Fdi. «Siamo impegnati a Torino» ha detto Nicolò che non è voluto entrare nel merito di quella che reputa un’iniziativa di partito.

«Non abbiamo nessuna preclusione per nessuno, ma le scelte devono essere condivise. Noi auspichiamo che il candidato sia condiviso da tutti in un contesto in cui si discute di programma e si garantisce una coesione del centrodestra che deve vincere per governare. Anche Fdi già da tempo ha fatto una proposta. Abbiamo anche noi un candidato che si chiama Wanda Ferro, già in campo la scorsa volta. In ogni caso il candidato deve essere condiviso e deve guidare la coalizione dal punto di vista istituzionale, quindi deve essere espressione di un partito del centrodestra, ma anche il candidato di tutti per rendere coesa la coalizione. Credo se ne possa parlare dopo le europee».

Riccardo Tripepi

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: