Rischio dissesto a Reggio, arriva la proroga: ora è corsa contro il tempo

Il provvedimento annunciato dal viceministro Castelli fa tirare un sospiro di sollievo alla maggioranza di Falcomatà che cominciava a temere il peggio. Trenta giorni per superare i rilievi della Corte dei conti e sperare

di Riccardo Tripepi
martedì 2 aprile 2019
18:09
Condividi

Tira un sospiro di sollievo la maggioranza guidata dal sindaco Giuseppe Falcomatà. È finalmente arrivata la comunicazione da parte della Prefettura con la quale è stata data ufficialità al provvedimento del governo che fa slittare al 30 aprile il termine per l’approvazione del bilancio.

Il viceministro Laura Castelli lo aveva preannunciato sia durante un incontro con l’Anci e poi durante la Conferenza Stato-Città dello scorso 28 marzo. I Comuni, però, erano rimasti con il fiato sospeso in quanto l’annunciato provvedimento tardava ad essere firmato. Tanto che da palazzo San Giorgio era partita anche una richiesta di informazione alla Prefettura.


Adesso l’iter è terminato e la proroga è stata concessa, seppure con due giorni di ritardo rispetto al termine del 31 marzo
. Si tratta adesso di capire come Comuni e governo riusciranno a sfruttare il tempo, risicato, a disposizione per evitare l’avvio delle procedure di dissesto.

La posizione del Mef è racchiusa nella lettera che il viceministro Castelli ha inviato alla Corte dei Conti. L’auspicio espresso nella missiva è che la Magistratura contabile emani quanto prima un parere di orientamento così che si possa giungere alla applicazione corretta e puntuale della Sentenza n. 18/2019.

«Gli interventi di orientamento generale, delle Sezioni Autonomie o Riunite – ha scritto il viceministro - giungono spesso dopo un lasso di tempo che oggi diventa sempre più difficile da rendere compatibile con la velocità delle decisioni da assumere. Pur comprendendo che spesso alla fonte dei contrasti interpretativi vi è una norma scritta male, si rende necessario, come in questo caso, che si a data vita ad una interpretazione di orientamento unitaria, attesi i rilevanti riflessi di natura finanziaria che una pluralità di pronunce regionali potrebbero determinare. Si rende necessario, infatti, dare e garantire agli Amministratori locali un indirizzo chiaro ed univoco, al fine di rispettare integralmente il sapiente dettato della Corte Costituzionale, senza dover attendere tempi lunghi o peggio incorrere in danni irreparabili».

Ma che tipo di interpretazione potrà dare la Corte dei Conti per evitare che il termine dei mutui contratti dai Comuni passi dagli attuali 30 anni ai 10 previsti dalla sentenza della Consulta? Gli spiragli in realtà non sembrano molti, seppure l’interpretazione giurisprudenziale italiana non manca certo di creatività.

Reggio avrà poi il secondo problema legato agli ulteriori chiarimenti che la Corte dei Conti ha chiesto al Comune con la delibera n. 33 del mese di marzo. La Corte ha parlato di illegittimità nei bilanci 2016 e 2017 e di sovrastimane dei crediti che il Comune inserisce tra gli attivi. Tantissime le richieste istruttorie relative ai debiti con la Regione, all’esposizione per il contenzioso gestito dall’Avvocatura, alla gestione delle società partecipate e alla mancata costituzione del fondo perdite.

Parte insomma oggi una doppia corsa contro il tempo in vista dell’approvazione del bilancio per il 30 aprile. Una per tentare di convincere la Corte dei Conti sulla legittimità degli ultimi bilanci ed arrivare ad una puntuale quantificazione del “buco”. La seconda per fare in modo che l’interlocuzione con il governo possa portare ad un’applicazione soft della sentenza della Corte Costituzionale. Ma anche all’interno della maggioranza di centrosinistra si intravedono le prime crepe e non sono pochi gli scettici che vedono ormai il dissesto come unica via d’uscita.

Riccardo Tripepi

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: