Richetti al vetriolo: «Il Pd dica basta ai capibastone come Oliverio e De Luca»

Il parlamentare presenta la sua candidatura alla segreteria del Partito democratico alla trasmissione di Lilli Gruber Otto e mezzo. Incalzato sul futuro del partito e sulla gestione renziana non è andato molto per il sottile

di Riccardo Tripepi
4 ottobre 2018
22:39
46 condivisioni

Matteo Richetti presenta la sua candidatura alla segreteria del Pd alla trasmissione di Lilli Gruber Otto e mezzo. Incalzato sul futuro del partito e sulla gestione renziana, Richetti non è andato molto per il sottile, evidenziando gli errori più gravi del periodo. Errori che ha visto compiere dalla poltrona privilegiata di portavoce dell’ex segretario nazionale.

«Nel Pd di Renzi – ha detto Richetti - si predicava il lanciafiamme minacciava il lanciafiamme ma si candidavano De Luca in Campania e Oliverio in Calabria. Si predicava la rottamazione ma ci si affidava ai capibastone che ci sono in giro per l’Italia. Chi guida il Pd è convinto anche adesso che il consenso si può mantenere con coloro che garantiscono le tessere e i posti. Invece – ha detto ancora Richetti - Il popolo del Pd è stanco di queste logiche».

Non male come provocazione per un Pd calabrese che, proprio in queste giornate, sta provando a riordinare le idee per capire come affrontare il congresso e le prossime regionali.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista

Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politi...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio