Operai morti a Crotone, Magorno presenta interrogazione al Ministero

Il senatore del Pd: «Si tratta di una tragedia che ripropone ancora una volta il tema della sicurezza sul lavoro»

giovedì 5 aprile 2018
10:36
2 condivisioni
Ernesto Magorno
Ernesto Magorno

«Gli operai deceduti a Crotone su un cantiere sono solo gli ultimi nomi che si aggiungono a un triste muro del pianto, quello delle morti bianche, che purtroppo sta assumendo dimensioni troppo consistenti per non richiamare le istituzioni a un necessario intervento, in termini di prevenzioni e controlli».

 

Ad affermarlo è il senatore del Pd, Ernesto Magorno, che ha presentato un’interrogazione al Ministro del Lavoro per richiamare immediatamente l’attenzione delle istituzioni e immediatamente contattato il capogruppo Pd a palazzo Madama, Andrea Marcucci, affinché il gruppo del Pd si possa fare promotore di una discussione parlamentare sull’emergenza morti bianche in Italia.

 

«In un cantiere edile lungo il viale che porta alla zona archeologica di Capo Colonna – spiega il senatore Pd nell’interrogazione -  è crollato un muro di contenimento che ha travolto gli operai presenti. Il cantiere prevedeva interventi di ristrutturazione del lungomare verso Capo Colonna; si tratta di una tragedia che ripropone ancora una volta il tema della sicurezza sul lavoro soprattutto in una terra dove il lavoro spesso non c'è». Da qui l’esplicita richiesta di attenzione da parte del Governo: «Si chiede di sapere – scrive Magorno - se il Governo è e conoscenza di quanto riportato in premessa e quali iniziative intenda assumere per accertare quanto accaduto e per rafforzare l'attività ispettiva sul territorio al fine di scongiurare il ripetersi di simili tragici episodi».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: