Lamezia, Mascaro furioso dopo la sospensiva: «Vergognatevi»

L’ex sindaco, appena saputo del rientro della terna commissariale, si sfoga sulla sua pagina facebook

di T. B.
23 marzo 2019
13:06
24 condivisioni
Paolo Mascaro
Paolo Mascaro

«Ovviamente ho trascorso una notte insonne, fortemente preoccupato per le sorti della mia comunità già tanto e tanto ingiustamente vessata». Così Paolo Mascaro dalla sua pagina facebook raccontava quel groviglio di sentimenti e di patemi che lo stavano attanagliando da quando gli era stato notificato il ricorso avanzato al Consiglio di Stato contro la decisione del Tar del Lazio che lo ha riportato a via Perugini.

 

«Ho letto e riletto l’atto di appello attraverso il quale si vorrebbe annullare il mandato democraticamente conferitomi dai cittadini – scriveva il sindaco poche ore prima che la sospensiva venisse accolta - Il detto atto di appello, che chiunque può leggere, non contesta la legittimità di un solo atto amministrativo: vi è quindi la definitiva consacrazione che cinque mesi di studio approfondito da parte della Commissione di Accesso hanno acclarato che nessun atto, neanche il più banale, fosse caratterizzato da illegittimità e men che meno da condizionamenti ed infiltrazioni».

 

«È evidente che si tratta di un incomprensibile attacco, pur sotto forme astrattamente legittime, ad una intera comunità – scriveva ancora Mascaro - È evidente che si tratta di un attacco alle più elementari regole di legalità e democrazia. Non accetterò che, in una Italia nella quale moltitudine di Comuni sono quotidianamente afflitti da corruttela e malaffare, venga ad essere penalizzata, senza motivo alcuno, una comunità per la quale è oggi definitivamente acclarata dal medesimo Ministero dell’Interno la piena legittimità dell’agire amministrativo. Non lo accetterò mai».

 


I toni si fanno più accesi quando viene notificato che la richiesta di sospensiva è stata accolta, decretando il rientro dei commissari: «Vergognatevi tutti – “urla” Mascaro da Facebook - farisei, ipocriti e mestieranti, finti assertori di legalità che violate ogni giorno, vergognatevi tutti, finti servitori di uno Stato che quotidianamente massacrate, potete anche denunciarmi, ma vi condannerà la vostra coscienza».

 

LEGGI ANCHE:

T. B.
Giornalista

Lametina, laureata in Scienze della Comunicazione con indirizzo Giornalismo alla Lumsa di Roma, Tiziana Bagnato ha sempre affiancato la carta stampata all’ambito televisivo. Dopo aver lavorat...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio