La crisi di governo e i riflessi sulla politica calabrese

VIDEO | La Lega rischia di perdere l'onda e FdI potrebbe approfittarne assieme all'outsider Tansi. E Oliverio potrebbe approfittare di un accordo Pd-M5s

di Agostino Pantano
venerdì 16 agosto 2019
15:02
45 condivisioni
Conte e Salvini
Conte e Salvini

Come cambia il quadro calabrese, in caso di prolungamento della legislatura parlamentare col varo di un nuovo governo?

Difficile prevederlo, viste le varie opizioni in campo quando ancora il governo Conte è in carica, ma certo qualche ipotesi si può avanzare.   

 

L’ipotetico governo di tregua vedrebbe assieme partiti che vogliono costruire un argine al salvinismo e la nuova polarizzazione non lascerebbe immobile lo scenario calabrese.

Intanto perché il nuovo clima collaborativo tra Pd e cinquestelle potrebbe togliere veleno ai rapporti tra le due forze qui in Calabria.

 

L’eventuale dialogo tra democrat e pentastellati potrebbe essere incanalato verso opzioni disparate, ma una cosa è certa: le elezioni che si allontanano agevolano chi come il presidente Mario Oliverio aspira ad un secondo mandato, perché a quel punto meno salti nel buio faranno i due partiti – nelle periferie delle Regionali - e meglio sarà per entrambi.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Agostino Pantano
Giornalista
Agostino Pantano, giornalista professionista, 43 anni, vive a San Ferdinando. È stato corrispondente dei quotidiani Gazzetta del Sud e Il Domani della Calabria. Dal 2006 al 2010 ha diretto la redazione di Gioia Tauro di Calabria Ora. Con altri colleghi, usciti dal giornale per contestare la linea editoriale, ha fondato Il Corriere della Calabria, un periodico e un sito on line per cui ha lavorato come redattore. Ha collaborato con Le Cronache del Garantista e L’Unità. Ha diretto il mensile A Sinistra e la Web Tv Pianainforma.   Dal 2010 al luglio 2016 è stato al centro di un caso giudiziario tra i più gravi nella storia del giornalismo italiano: processato due volte per la sua inchiesta sullo scioglimento per mafia del consiglio comunale di Taurianova, e in un caso per il reato di “ricettazione di notizie”, è stato assolto in entrambe le occasioni.   È componente del Consiglio nazionale dell’Unci (Unione nazionale cronisti italiani). È iscritto all’associazione “Articolo 21”. E’ laureato in Scienze Politiche con una tesi sulla storia del V° Centro siderurgico di Gioia Tauro.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream